Forse in pochi sanno che anche nel settore tessile il Made in Italy vanta un primato non da poco. Le radici della lavorazione del cachemire, infatti, anche se affondano nelle lontane lande asiatiche, si ritrovano oggi in suolo italiano grazie all’artigianato locale. Celebrare i migliori pezzi delle collezioni sembra un passo necessario, perciò dal 18 giugno al 18 settembre è possibile ammirarne oltre 150 capi a Villa Sucota a Cernobbio.  Non solo sciarpe o abbigliamento, ma anche accessori e articoli di cravatteria saranno disponibili all’occhio dei visitatori. Nonostante le temperature non certo ideali per indossare un capo in cachemire, si potranno ammirare non solo le trame colorate dei tessuti, ma sarà soprattutto possibile ripercorrere la sua storia attraverso i percorsi tematici dedicati. Sfoglia la gallery:  Per saperne di più:http://www.fondazioneratti.org/news/236/mostra_cachemire_il_segno_in_movimento