Da Ramazzotti la Guida del Bel Vivere

Bella la vita… lo abbiamo sentito dire tante volte con espressione ammiccante da chi, papà o amico, ci ha colto in flagrante in un momento di piacevole relax. Con uno slogan altrettanto ammiccante “RAMAZZOTTI, BELLA LA VITA… Guida del Bel Vivere” la nota casa produttrice del famoso Amaro ci suggerisce un viaggio per dare voce all’attitudine tutta italiana di assaporare la bellezza della convivialità nel periodo della primavera-estate. Un itinerario, insomma, alla riscoperta di alcune località con piacevoli e fresche degustazioni in luoghi da visitare, curiosità da soddisfare, gite da intraprendere, tradizioni da vivere, sapori da esplorare, prodotti da conoscere, ricette da assaporare, piatti da godere, suoni da ascoltare, cocktail da degustare. Da maggio a luglio, Amaro Ramazzotti invita a scoprire gli itinerari di gusto nel Belpaese per vivere il fascino seducente di quel piacere pieno che solo il contatto con idee, culture e persone sa attivare.
Al grido #Bellalavita, arriva un invito al Bel vivere in maniera autentica l’attimo insieme agli altri con spensieratezza in un intreccio di luoghi, tradizioni, avventure e degustazioni gastronomici selezionati.

A Maggio tra campi di asparagi e fette di taleggio

Amaro Ramazzotti suggerisce una gita a Ballabio sul lago di Como per il ritorno della Fiera del Taleggio: un vero e proprio percorso di gusto che si snoda tra le vie del paese per assaporarlo dolce, con una leggera punta di acidità, su una fetta di pane con miele e olio. Inconsueto con la frutta degustato con sorsi rinfrescanti di Ramacedra, il cocktail primaverile che mixa Amaro Ramazzotti e cedrata. Un salto in Piemonte invece per Asparisagra a Santena, sabato 18 e domenica 19 maggio, il rinomato ortaggio lo si trova in una miriade di ricette tra cui l’insalata di asparagina con primosale di Fontanacervo e nocciole, e poi come consiglia Amaro Ramazzotti, tutti in sella lungo le miriadi di piste ciclabili tra campi di asparagi e vigneti che collegano i paesi vicini quali Chieri e Carmagnola.

Giugno, una ciliegia tira l’altra

A Zibello borgo medioevale della Bassa Parmense, conosciuto per il famoso culatello, meta ideale per tutti quelli in cerca di un sereno week- end. L’1 e il 2 giugno si svolge la Festa del Culatello, conosciuto in tutto il mondo, lo si potrà degustare puro tagliato a fette sottilissime oppure in moltissime ricette dalle tagliatelle al risotto, dagli anolini fino alla specialità De.Co dello gnocco aperto allo stracotto di culatello. Relax poi per fare un giro lungo le sponde del Po, grazie alla nuovissima pista ciclabile che collega tutti i piccoli paesi che sorgono sulle sue sponde e nelle vicinanze.
E’ però tempo di ciliegie, una tira l’altra, nelle più svariate qualità, cuoriformi, rosse vermiglio, dolci, succose. Dal 7 al 9 giugno tappa a Turi per la Sagra della Ciliegia, dove la pluripremiata Ciliegia “Ferrovia” renderà felici i tantissimi partecipanti. A soli pochi km da Bari lungo le strade lastricate con le vecchie “chianche”, è facile farsi ammiccare dalla “faldacchèa”, il tipico dolce a base di mandorle, insaporito con cannella, limone e marmellata di ciliegie o amarene, e sorseggiate un Rama Summer Cup, Amaro Ramazzotti, ginger ale, menta fresca, frutti di bosco e fetta di zenzero.

Letto questo?  Divertimento in famiglia: a maggio a Gardaland

Luglio godereccio affettando prosciutti

Dal 5 al 7 luglio si va in Toscana per la Sagra della Bistecca. Ad Olmo in provincia di Arezzo, le frequenze di #Bellalavita si amplificano alimentandosi dell’inclinazione godereccia di questa terra. La bistecca qui è qualcosa di straordinario; servita tassativamente alla brace è la fine del mondo. Una passeggiata nell’incantevole Valdichiana e per concludere un Ramagin (Amaro Ramazzotti, gin e acqua tonic) nella Piazza Grande di Arezzo, tra le più belle d’Italia, sono il coronario ideale di questa uscita fuori porta. Per spezzare l’arsura dell’estate, invece, tutti in Val D’Aosta a Saint-Rhémy-en-Bosses. Domenica 14 luglio torna il Jambon Day dedicato al Jambon de Bosses DOP, il principe della salumeria valdostana, un prosciutto talmente pregiato che nell’antichità veniva usato come merce di scambio. Questa volta “Ramazzotti, Bella la vita… Guida al Bel vivere” ci consiglia di organizzare un week-end intero per prendersi una pausa rigenerante e staccare la spina. Zaini in spalla, buone scarpe da trekking così da mettersi in cammino per la suggestiva escursione ad anello verso il Colle San Bernardo, una passeggiata panoramica veramente suggestiva.