Viaggi del Gusto Magazine

VdG Magazine – i Viaggi del gusto, è un magazine online di approfondimento sul mondo dell’enogastronomia, del turismo, della ristorazione e del Made in Italy nella sua accezione più ampia.

Menù

Ultimi articoli

A cena con i Beduini nel deserto del Wadi Rum in Giordania

Shares
cibo tipico beduini deserto

Negli ultimi anni la Giordania è riuscita ad attrarre sempre più turisti da ogni parte del mondo. Ma siamo noi italiani, nei fatti, quelli che raggiungono più di tutti questo piccolo paese del Medio Oriente. Il Jordan Tourism Board riporta che, solo nei primi otto mesi del 2019, le visite dei nostri connazionali verso la Giordania sono cresciute del 102 % rispetto allo stesso periodo all’anno precedente.

In Giordania puoi passare una notte nel meraviglioso deserto Wadi Rum, mangiando piatti della cucina tipica dei Beduini. Condividi il Tweet

Complice sicuramente l’indiscutibile bellezza dei suoi siti di interesse come la magnifica città di Petra, ma anche la semplice e gustosa cucina tradizionale della nazione. Ma oggi vogliamo soffermarci su un’esperienza davvero peculiare che si piò fare in questo stato: passare una notte nel meraviglioso deserto giordano Wadi Rum, mangiando piatti della cucina tipica dei Beduini.

dromedari e beduini wadi rum
Wadi Rum, Giordania

Wadi Rum: il deserto monumentale della Giordania

Il Wadi Rum, o valle della luna, è il deserto più esteso di tutta la Giordania ed è patrimonio dell’umanità Unesco dal 2011. La sua origine è incerta, ma tra le monumentali conformazioni rocciose è possibile scovare anche incisioni rupestri che risalgono a oltre 4000 anni fa. Non solo sabbia, quindi, ma anche storia, canyon, gole e cime (la più alta è Jebel Rum con  1754 metri di altezza) che cambiano colore in base alla stagione e alle condizioni climatiche.

incisioni rupestri
Sono circa 30.000 le incisioni scoperte fino ad ora nel Wadi Rum

Dagli anni ’80 in poi il Wadi Rum si è riempito di campi tendati gestiti da famiglie beduine e destinati al turismo. I costi di questi campeggi sono accessibili a tutte le tasche e molti offrono anche la possibilità di fare una vera e propria “beduin experience“. Oltre al classico tour dei siti più belli del Wadi Rum è possibile anche assaporare il tè tradizionale, osservare il modo in cui cucinano i beduini, mangiare insieme a loro (vi anticipiamo che alcune pietanze vanno assaggiate con le mani) e ballare le loro danze tipiche. Il tutto durante una meravigliosa notte stellata del deserto e sotto una tenda beduina con tanto di fuoco per scaldarsi.

wadi rum deserto giordania

La cucina tipica dei beduini del deserto giordano

I piatti principali che vengono serviti in Giordania hanno tutti origini beduine e sono preparati con prodotti di base come pollo, riso, agnello e montone. È una cucina molto semplice che utilizza, però, metodi di cottura tradizionali e pentolame ormai in disuso in molti altri paesi del mondo. Le porzioni sono spesso abbondanti e molte di queste vengono mangiate con le mani proprio come simbolo di convivialità. Passando una notte nel deserto del Wadi Rum è possibile assaggiare numerosi piatti della cucina tipica dei beduini del deserto, ma anche osservare le modalità di cottura e tutte le loro tradizioni legate ai pasti.

Il rito del tè

rito tè wadi rum
Foto di Sylvain L. da flickr

La cultura del popolo beduino dà estrema importanza all’ospitalità. I beduini devono necessariamente essere gentili e disponibili con i loro ospiti facendoli sentire il più benvenuti possibile. È anche per questo motivo che, non appena si mette piede nel deserto del Wadi Rum, si viene accolti con una gustosissima tazza di tè. La bevanda viene preparata portando l’acqua ad ebollizione, aggiungendo tè verde, zucchero ed erbe aromatiche dalle proprietà benefiche. L’infuso viene bevuto più volte durante il giorno ed è costantemente offerto in teiera bollente.

I mezé

antipasti cucina tipica beduini deserto
Antipasti beduini

I mezé non sono altro che antipasti. Sono diversi i piatti e tutti fanno parte della cucina tipica del deserto giordano. La maggior parte di questi vanno mangiati con le mani, perché ad accompagnarli c’è il tradizionale pane arabo chiamato anche pita. Un pane a base di farina lievitato tondo e cotto a temperature altissime sulla piastra. Tra i mezé più importanti troviamo:

Letto questo?  10 viaggi di nozze imperdibili secondo CartOrange, le proposte a MilanoSposi 2020

Mansaf

mansaf piatto tipico cucina beduini deserto
Mansaf- Foto di Ji-Elle da Wikimedia

Considerato il piatto della convivialità per eccellenza. Una specialità della gastronomia giordana a base di riso, agnello, yogurt e cotto su una piastra insieme a pinoli, prezzemolo tritato e spezie Baharat. I beduini sono soliti mangiare il Mansaf utilizzando la mano destra e stando in piedi. Viene servito in un piatto grande da cui attingono tutti i commensali ed è spesso preparato per le grandi occasioni.

Maqluba

maqluba piatto tipico giordania
Maqluba

Anche in questo caso l’ingrediente di base di questo piatto tradizionale è il riso. Cambia la tipologia di cottura in quanto viene utilizzata una pentola tajine dentro la quale vengono aggiunti anche pollo, patate e verdure. Maqluba vuol dire “rovesciato”. Infatti, a preparazione ultimata, il riso viene letteralmente rivoltato su un piatto e condito con yogurt e mandorle.

Hummus

humms piatto tipico giordania

Una deliziosa crema di ceci sempre presente su tutte le tavole della Giordania. L’hummus è puntualmente accompagnato dal leggerissimo e piacevole pane arabo.

Labneh

labneh formaggio tipico giornadina
-Foto di stu_spivack da flickr

Un formaggio spalmabile a base di yogurt e aromatizzato con olio di oliva. Il trucco per far diventare lo yogurt di questa consistenza  è passarlo attraverso un panno di cotone. Anche nel caso di questo formaggio c’è sempre una buona pita di accompagnamento.

Il Zaarb

zaarb piatto giordano
Beduini che preparano Zaarb

Il piatto più “scenografico” della cucina tipica dei beduini del deserto giordano. Una ricetta povera, ma con i nutrienti necessari per affrontare i lunghi viaggi nel Wadi Rum. Si tratta di una terrina in acciaio al cui interno vengono aggiunti carne di pollo e agnello, con zucchine, patate e melanzane. I prodotti sono cotti all’incirca per cinque ore a terra. Il procedimento di cottura consiste nello scavare una profonda buca nella sabbia del deserto in cui mettere della legna per accedere il fuoco. La terrina a tre strati viene inserita nella cavità e viene circondata di sabbia fino a coprire il primo livello, in modo da distribuire uniformemente il calore.

Il Jaha

rito del caffè giordania
Foto di Robert Scoble da flickr

Il Jaha è un altro rito importantissimo per i beduini, ovvero quello del caffè. Anche in questo caso la preparazione avviene nella sabbia. Il procedimento ha diverse fasi. Nella prima un bricco di metallo pieno d’acqua viene posizionato su dei carboni ardenti, mentre i chicchi di caffè sono tostati nella mihamasa (padella tradizionale) e a fuoco vivo. Una volta pronti questi vengono pestati in un mortaio con del cardamomo. La miscela viene poi messa a bollire nell’acqua e lasciata in infusione per 6-7 ore. Al termine di questa procedura viene ottenuto il khamìr, ovvero l’infuso che sarà poi traferito in un ulteriore bricco e che subirà un altro processo di bollitura insieme ad altra miscela di caffè e cardamomo. Una volta pronto il caffè viene travasato e servito agli ospiti per un minimo di tre volte.

Il Basbousa

basbousa dolce tipico beduini deserto
Foto di Waleed Alzuhair da flickr

Come tutti i migliori menù anche quello beduino prevede un dolce alla fine del pasto: il basbousa. Una pietanza a base di semolino, yogurt, mandorle e miele, davvero dolcissima e che si mangia rigorosamente con le mani e senza tovagliolo.

Bevande della cucina tipica dei beduini del deserto giordano

e caffè sono bevande che accompagnano costantemente la convivialità delle tavole giordane. Ma durante una cena con i beduni nel Wadi Rum potrete pasteggiare con dell’acqua e con una buonissima bevanda analcolica a base di menta e limone. Una sorta di mojito, ma senza alcool e altamente dissetante.

Un’esperienza davvero a 360° quella che si può vivere nei campi tendati del Wadi Rum. Un viaggio di emozioni tra le meraviglie del deserto più bello del Medio Oriente e un’avventura di gusto tra le tradizioni culinarie di un popolo gentile, sorridente e sempre accogliente come quello dei Beduini.

Foto di copertina subherwal su flickr

Serena Proietti Colonna

Dottore di Ricerca in Psicologia, viaggiatrice di professione, appassionata di marketing e follemente innamorata della scrittura. Condivido le mie esperienze di vita (specialmente a contatto con la natura) e le scoperte dei diversi sapori nel mio blog e in altri portali turistici. Esploro, conosco, assaggio, mi butto, vivo, sorrido, empatizzo, respiro e poi racconto avventure ed emozioni. In poche parole? Mi godo i frattempi della mia vita!

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top