Viaggi del Gusto Magazine

VdG Magazine – i Viaggi del gusto, è un magazine online di approfondimento sul mondo dell’enogastronomia, del turismo, della ristorazione e del Made in Italy nella sua accezione più ampia.

Menù

Ultimi articoli

Cologna Veneta festeggia il suo mandorlato

Shares

Non è poi fatto con tanti ingredienti, ma il mix che ne deriva è paradisiaco. Parliamo del mandorlato, dolce tipico delle feste natalizie fatto con quattro ingredienti: miele, zucchero, albume d’uovo e mandorle. L’8 e il 9 dicembre la patria del mandorlato, Cologna Veneta nel veronese, celebra la sua specialità (siamo alla 32esima edizione).

La tradizione

Sulla nascita del mandorlato storia e leggenda si mescolano. Probabilmente fu uno speziale che amalgamò insieme quello che gli antichi chiamavano il cibo degli dei, cioè il miele, con albume d’uovo, zucchero e mandorle sbucciate. Una ricetta rimasta pressoché invariata nei secoli se non per le tecniche di preparazione che in alcuni casi sono diventate industriali. È credibile che il mandorlato fosse conosciuto ed apprezzato già al tempo della Serenissima Repubblica.

La festa e le novità 2018

Cologna Veneta quindi sarà in festa nei giorni dell’Immacolata con stand ed eventi per celebrare la sua rinomata delizia. Per l’edizione 2018 l’evento si allargherà dal corso principale a molte vie del centro storico. Si amplierà l’offerta del dolce tipico grazie anche all’estro e all’innovazione delle aziende produttrici. Accanto al mandorlato tradizionale verranno proposti prodotti quali il panettone al mandorlato, il mandorlato biologico, il mandorlato integrale, i biscotti al mandorlato o le brioches al mandorlato. In Piazza Duomo, sotto il grande albero di Natale, verrà inoltre allestito il mercatino natalizio.

Il calendario degli eventi

La manifestazione prenderà il via sabato 8 dicembre dalle 9,00 con il tradizionale corteo storico “Cologna Serenissima”, accompagnato dal gruppo degli sbandieratori di Montagnana, che sfileranno fino al Municipio. Per l’occasione verranno assegnati riconoscimenti ai produttori. Nel pomeriggio è in programma la rievocazione di “Cologna Serenissima”. Nella giornata di domenica ci saranno dimostrazioni di giochi e mestieri antichi, lavorazioni artigiane e gli spettacoli degli artisti di strada. In programma anche una mostra di pittura, quella dei presepi e alcune visite guidate al centro storico. In piazza del Mandamento verrà allestita una ruota panoramica. Se poi di mandorlato ne avete mangiato troppo e avete bisogno di fare un pò di movimento, domenica 16 dicembre verrà organizzata (dalle 7,30) la 31sima Marcia del mandorlato, manifestazione podistica non competitiva da 6 – 10 o 18 km.

Cosa vedere

Se alle prelibatezze del palato volete aggiungere anche qualcosa di bello da vedere, vi consigliamo il Castello Scaligero, la Torre Civica, il Palazzo Pretorio e il Museo Lapidario.

La ricetta

Se siete esperti in cucina e volete cimentarvi nel fai da te, la ricetta artigianale del mandorlato di Cologna Veneta è questa. Tostate le mandorle in forno a 120°C per circa 10 minuti. Riscaldate il miele a fuoco moderato, continuando a mescolare per circa trenta minuti, lasciare intiepidire per altri trenta minuti. Montate gli albumi a neve e aggiungetene metà al miele, sempre mescolando delicatamente. Fate riposare. Ripetete l’operazione con l’altra parte degli albumi montati a neve. Aggiungete le mandorle. Mescolate molto bene e poi versate tutto in un recipiente basso e largo, foderato di cialde (ostie) bianche. A freddo, si spacca a pezzetti.

Differenza con il torrone

C’è chi preferisce il torrone e chi il mandorlato. E chi li ama entrambi. Ma quali sono le vere differenze? Per entrambi si utilizzano miele, albume d’uovo e zucchero. Nel torrone però sono presenti più tipologie di frutta secca a guscio come le nocciole, i pistacchi, le arachidi, le mandorle, i semi di sesamo o le noci. Come detto sopra invece nel mandorlato di Cologna Veneta sono presenti solo le mandorle. Il torrone inoltre si può trovare sia morbido che duro.

Marzia Dal Piai

Pur non essendo una grande cuoca amo mangiare bene e sono curiosa. Sicuramente i dolci sono le cose che riesco a fare meglio, sono davvero golosa! Giornalista professionista sono passata dal raccontare la cronaca per quotidiani e televisioni, ad occuparmi di sport e turismo mie grandi passioni da sempre. L'ho fatto come cronista e anche come ufficio stampa. Il buon cibo e lo sport, fatto con amore, riempiono la vita mia e della mia famiglia. Mi piace conoscere, viaggiare e incontrare persone nuove.

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top