Per tutti coloro che amano passeggiare ammirando la natura, i paesaggi mozzafiato, gli animali e fare un respiro a pieni polmoni respirando l’aria non contaminata, i parchi nazionali italiani sono una destinazione che accontenta tutti, oltre che una eccezionale opportunità di evadere dalla frenetica vita quotidiana di città.

L’Italia merita – da Nord a Sud – di essere la destinazione privilegiata dalla maggior parte dei turisti mondiali, anche per le sue splendide aree naturali protette.

I Parchi nazionali italiani consentono l’imbarazzo della scelta e, per gli amanti dei contesti naturali in cui ancora non si vede la mano dell’uomo (troppo spesso distruttiva), gli scenari che regalano montagne, laghi, rocce e ruscelli sono paradisiaci.

Parchi nazionali in Italia: quali visitare?

Parco Nazionale del Gran Paradiso

Il Parco Nazionale del Gran Paradiso è il capostipite di quelli presenti nella nostra penisola, con la sua storia quasi centenaria. Nato nel lontano 1922, si trova tra la Valle D’Aosta ed il Piemonte e promette la vista di stambecchi e camosci, si colora per la fioritura estiva e si copre di neve durante la stagione più fredda. Lo spettacolo dicotomico è assicurato!

Parco delle Dolomiti Bellunesi

Quello delle Dolomiti Bellunesi, in Veneto, lascia a bocca aperta per la bellezza delle sue sorgenti e le specie protette che qui trovano riparo e libertà.

Parco Nazionale dello Stelvio

Passando tra il Trentino Alto-Adige e la Lombardia il Parco Nazionale dello Stelvio fa la sua parte con le sue altitudini degne dei più esperti arrampicatori mentre – a pieno titolo –  tra i più bei parchi nazionali italiani rientra anche quello dell’Abruzzo, Lazio e Molise che – natura a parte – offre i magnifici 24 borghi che regalano al visitatore la loro atmosfera fiabesca.

Parco Nazionale del Circeo

Ed il Lazio fa anche da sfondo al Parco Nazionale del Circeo adatto per gli amanti della natura in bici, grazie ai percorsi ciclabili da cui ammirare la natura, regina incontrastata.

Parco Nazionale delle Cinque Terre

La lingua di terra ligure propone il Parco Nazionale delle Cinque Terre, inserito nella lista Unesco come Luogo Patrimonio dell’Umanità già nel 1999.

Parco Nazionale del Cilento

Anche quello del Cilento è meritevole di essere menzionato come fiore all’occhiello tra i parchi nazionali italiani che, oltre ad essere patrimonio Unesco, dal 2010, è diventato Geoparco.

Parco Nazionale del Gargano

La Puglia risponde “presente” con il parco Nazionale del Gargano che prevede un tour nel tacco d’Italia tra storia e cultura.

Parco Nazionale del Pollino

Basilicata e Calabria offrono il parco Nazionale del Pollino che detiene lo scettro per grandezza e bellezza: qui i lupi hanno trovato un habitat naturale eccezionale e a far loro compagnia anche le aquile che sorvolano il sud Italia.

Parco Nazionale dell’Asinara

La Sardegna regala uno scenario da brividi che lascia senza fiato: il Parco Nazionale dell’Asinara offre tutto ciò che si può chiedere al mare e alla montagna e garantisce un’esperienza da ricordare.

Quanti parchi nazionali ci sono in Italia?

Sul territorio si contano ben 25 parchi nazionali che rientrano ufficialmente nell’Elenco delle aree naturali protette.

Si estendono, nel complesso, per più di 15 mila km quadrati, costituendo il 6% della superficie dell’intero paese.