Bellezza, gusto, sapori, in sintesi questo il contenuto de “Il Salotto delle Eccellenze” manifestazione organizzata dal Comune di Spoleto e dalla Regione Umbria, e a cura delle associazioni di categoria presenti sul territorio. Dal 31 maggio al 2 giugno per promuovere e valorizzare le potenzialità culturali della città, i prodotti tipici e l’artigianato artistico “handmade”.
Appuntamento dunque con le aziende eno-gastronomiche ed olearie regionali e nel settore dedicato alla mostra mercato con aziende di prodotti tipici, ma anche con enologi, gastronomi, nutrizionisti, chef, pasticceri, sommelier, maestri artigiani, artisti, e tanti altri.
“Abbiamo chiamato l’evento “Spoleto salotto delle Eccellenze” – spiegano gli organizzatori – perché vogliamo siano coinvolte le tante eccellenze presenti nella nostra Regione, ma anche perché si svolgerà nel suo centro storico e si dispiegherà su di una serie di spazi e di scenari che formeranno una quinta elegante ed accogliente all’interno della città che grazie alla sua straordinaria dimensione urbana, antica e insieme moderna per le strutture di mobilità alternativa di cui è dotata, ricercata ma a misura d’uomo, rappresenta una ottima location per occasioni del genere”.
Una festa della qualità, un appuntamento per rendere omaggio al meglio dell’eno-gastronomia e della produzione artigianale regionale il tutto inserito in una città già ampiamente nota per i beni culturali, architettonici ed ambientali di cui è ricca. Il format è nuovo e vuole predisporsi per essere un palinsesto di qualità composto da esposizioni eno-gastronomiche, convegni, mostre, show cooking, concerti, Dj set, talent show, spettacoli,”Open Night” per i giovani, giocheria per i bimbi.


Spoleto salotto delle Eccellenze

L’inaugurazione e l’apertura degli stand è prevista venerdì 31 maggio alle ore 15,30. Tra gli appuntamenti: il concerto di Cristiana Pegoraro al Caio Melisso, il raduno di bici, moto e auto d’epoca in Piazza Duomo, il convegno a Palazzo Leti Sansi dal titolo “Il Vino e il Vino nell’Arte” con Riccardo Cotarella, Paolo Morbidoni, Claudio Strinati e Vittorio Sgarbi. E ancora degustazioni di vino e olio, visite guidate ai musei della città, la mostra mercato dei fiori e delle erbe, la musica live di Spoleto Giovani. Inoltre i ristoranti del centro storico aderiranno a “Spoleto nel Piatto” che permetterà di gustare, a prezzi promozionali, menù dedicati ai migliori prodotti tipici, tra cui lo strangozzo spoletino, su ricette elaborate dagli chef stellati presenti all’evento.

Spoleto da vedere e mangiare

Antica capitale dei duchi longobardi, Spoleto ha una ricchezza immensa dal punto di vista del patrimonio storico-artistico cittadino, testimonianza delle più diverse epoche storiche che la videro protagonista. Solo per citarne alcune: la maestosa Rocca Albornoziana che domina la città; il Ponte delle Torri che unisce la Rocca e il Monteluco; il Teatro Romano ancora oggi utilizzato per spettacoli e rappresentazioni; Palazzo Mauri ora sede della Biblioteca comunale; la chiesa di Sant’Ansano e la Cripta di Sant’Isacco; Palazzo Leti Sensi ex Palazzo del Podestà; la Cattedrale di Santa Maria Assunta che ospita affreschi del Pinturicchio e di Filippo Lippi. Noi vi consigliamo anche un tour per godersi le specialità locali: il tartufo nero in primis, o il rarissimo sedano di Trevi che grazie al cuore tenero e carnoso si presta sia al consumo a crudo abbinato all’olio di Trevi oppure cotto “alla parmigiana”, oppure la crescionda, un tipico dolce a base di uova, farina, cioccolato, amaretti e mistral.