E’ la principale responsabile delle maree: forse per questo  l’edizione 2019 del Carnevale di Venezia è dedicata alla Luna. “Blame the moon”, è questo il titolo che campeggia su manifesti e locandine e che identifica la grande kermesse che durerà venti giorni, con un susseguirsi di eventi in laguna e in terraferma. “Tutta colpa della Luna” è una citazione tratta dall’Otello di William Shakespeare dove si afferma che “quando si avvicina troppo alla Terra fa impazzire tutti”. La Luna, che nel suo perpetuo mutamento crescente e calante regola le semine e i ritmi biologici, scandisce anche il passaggio del tempo e ricorda che il Carnevale torna ogni anno per liberare la parte più pazza e fantasiosa che risiede in ciascuno di noi. Saranno  più di 150 gli eventi in calendario a Venezia da qui a martedì grasso e vedranno la partecipazione di oltre 300 fra artisti e gruppi. Sono stati programmati 30 appuntamenti culturali e una cinquantina di spettacoli dedicati ai bambini e ai ragazzi. C’è da dire che il tema della Luna vuole ricordare anche il primo allunaggio avvenuto esattamente cinquant’anni fa, nel 1969.

FESTA SULL’ACQUA

Si parte già sabato 16 febbraio 2019 alle ore 19 dal Rio di Cannaregio con la prima parte della festa veneziana sull’acqua, un emozionante e spettacolare water show che contempla “imprevedibili stravaganze per sognatori e viaggiatori del tempo”, viaggi cyberpunk e dimensioni oniriche. La seconda parte della manifestazione si svolgerà, sempre a Rio di Cannaregio, domenica 17 febbraio alle ore 10.15 con il corteo acqueo che partirà da Punta della Dogana e con la Regata delle Colombine, una regata sprint di sole donne in piedi sui gondolini.

E TANTO SPAZIO!

Ma, si sa: il cuore pulsante del Carnevale veneziano è Piazza San Marco, che da sabato 23 febbraio a martedì 5 marzo, dalle ore 11 alle 22 diventerà – sempre in aderenza al tema lunare – una piattaforma straordinaria per sfilate di maschere extra-vaganti, spettacoli spaziali e musica cosmica.   Il palcoscenico è stato disegnato dallo scenografo del Teatro La Fenice, Massimo Checchetto.

I VOLI

Domenica 24 febbraio e domenica 3 marzo si potrà assistere ai tradizionali voli dal Campanile di Piazza San Marco. Quest’anno il Volo dell’Angelo si arricchisce di un volo alternativo e aggiuntivo, uno spettacolo nello spettacolo ossia il Volo dell’Angelo Guerriero. Domenica 3 marzo sarà invece la volta del Volo dell’Aquila e il Carnevale di Piazza San Marco si concluderà martedì 5 marzo con il tradizionale Svolo del Leon. In terraferma, per la precisione in piazza Ferretto a Mestre, domenica 3 marzo si potrà assistere al Volo dell’Asino.

TI CONOSCO MASCHERINA

Sfilando sul palcoscenico allestito in Piazza San Marco, le maschere si contenderanno quotidianamente lo scettro di maschera più bella, la cui elezione avverrà domenica 3 marzo prevedendo premi speciali per le maschere a tema con l’edizione… lunatica 2019. Naturalmente Piazza San Marco sarà animata da una programmazione musicale dal vivo e DJ set e questo a partire dalle ore 17.30. L’anteprima della Home Venice Festival sarà in collaborazione con Red Bull, sponsor del Carnevale più antico, esteso e famoso del mondo in grado di accogliere, in piazza San Marco, 23mila persone.

DALLA LAGUNA ALLA TERRAFERMA GIRANDOLE DI EVENTI

“Ci sono molte novità e cose nuove in questo Carnevale 2019 – ha dichiarato il direttore artistico Marco Maccapani – perché il carnevale in realtà non deve essere rinnovato ma reinterpretato ogni anno”.  Tuttavia, a Venezia, un tema che corre in parallelo con il periodo di Carnevale, è la sicurezza, perché serve un grande lavoro di squadra e di coordinamento per gestire una mole di persone così considerevole in una città logisticamente tanto particolare. Mestre  avrà il suo Carnival Street Show e anche qui il tema sviluppato è “Cose dell’alto mondo”. In piazza Ferretto sarà collocato un palco spaziale con richiami attinenti a galassie, pianeti e costellazioni e, direttamente dal Regno Unito, venerdì 1 marzo si esibiranno i Sigue Sigue Sputnik, storica icona mondiale dell’electro space rock. Venerdì  1 marzo anche al Lido sfileranno i carri allegorici, così come sabato 2 marzo a Marghera, domenica 3 marzo a Campalto e martedì 5 marzo a Zelarino. Il Carnevale sarà festeggiato anche nelle isole, in particolar modo a Burano dal 28 febbraio al 5 marzo con musica in piazza e sfilate. La location  più attesa dai giovani è sicuramente l’Arsenale, che ospiterà serate concepite per far divertire i giovani ma anche per stimolare la fantasia del travestimento.

STAR TRICK

Undici giorni di programmazione per circa 20 tappe: gli Astrocicli di Pedalia, assieme agli artisti del Circo Patuf sono un viaggio interspaziale da far impallidire i viaggi della Enterprise di Star Trek attraverso Campalto, Tessera, Tarù, Chirignago, Lido, Maghera, Trivignano, Malconenta, Piraghetto e via Piave

CENA IN ORBITA

Nelle splendide sale rinascimentali di palazzo Ca’ Vendramin Calergi, sede del Casinò di Venezia, si svolgerà un Dinner Show Lunare, con suoni, luci, sapori, performance artistiche ed esperienze teatrali interattive

TAGLIARE LA TESTA AL TORO

Questo antico detto ha origine da un antico aneddoto che risale al giorno di Giovedì Grasso dell’anno 1162. Una ritualità popolare che verrà messa in scena giovedì grasso 28 febbraio dalla Compagnia L’Arte dei Mascareri che ha organizzato una ballata con corteo nelle calli di Venezia e spettacolare conclusione in Piazza San Marco.

IL SIGNORE DELLA NOTTE

Era una figura straordinaria, quasi un supereroe ai tempi della Serenissima: un uomo mascherato di nero che di notte girava per le calli per la sicurezza: lo spauracchio come deterrente contro i malintenzionati. Anche questa figura, assieme alle antiche lotte tra Nicolotti e Castellani, verrà riproposta venerdì 1 marzo dalle ore 15 alle ore 17 in Piazza San Marco.