Un’esplosione di gusto ed eventi a Gourmet, manifestazione organizzata al Lingotto Fiere di Torino, media partner Vdgmagazine.

Anche noi abbiamo partecipato al Campionato Mondiale di Pesto al Mortaio

Oltre ai profumi di tante Regioni d’Italia e alle specialità legate ad esse, Gourmet ha proposto showcooking, degustazioni e il campionato del mondo di pesto con mortaio al quale ha partecipato anche la nostra Carmela Tinella, che ha ricevuto i complimenti per l’equilibrio nelle parti del suo pesto, un ottimo mix per condire la pasta, anche se i giudici hanno rilevato la presenza di un quantitativo troppo abbondante di olio.

Carmela Tinella

Si trattava dell’ottava edizione del Campionato Mondiale di Pesto al Mortaio, 32° gara eliminatoria valida per la qualificazione al Pesto Genovese al Mortaio.

 

La ricetta la conoscete? Olio, basilico, pinoli e poi? La gara ha offerto l’occasione per imparare a preparare il vero pesto genovese e a conoscere gli ingredienti della ricetta originale, espressione del territorio. Il vincitore avrà la possibilità di partecipare di diritto al prossimo Campionato Mondiale, che si terrà nel marzo 2020 al Palazzo Ducale di Genova.

Gli appuntamenti della giornata

Tra gli eventi di Gourmet anche Gustincontro su un alimento che racconta il territorio e la sapienza umana, ovvero l’olio.

Una degustazione guidata da Umberto Curti docente e food tourism designer, di alcuni tra i migliori olii extravergini DOP liguri, per riconoscere la qualità e abbinare correttamente gli olii ai cibi. Progettare una nuova forma di turismo focalizzata sul concetto di DOP come espressione del genius loci.

Un’intuizione che ha dato luogo a progetti pilota di turismo esperienziale che il Consorzio di tutela dell’olio DOP Riviera Ligure ha realizzato, talora anche in sinergia con il tour operating, per celebrare i valori sapienziali e organolettici degli extra vergini a denominazione di origine protetta.

Letto questo?  Il Black Friday, l'occasione ghiotta per anticipare i regali di Natale

Interessante anche la degustazione Fisar in rosa incentrata sulle produzioni enologiche piemontesi di eccellenza al femminile. Quattro i vini piemontesi, da vitigno autoctono, interpretati da quattro appassionate vignaiole, ambasciatrici del patrimonio enologico italiano di una delle zone vitivinicole più importanti del nostro Paese.

Un viaggio sensoriale alla scoperta di vini unici, bianchi e rossi, che si distinguono per eleganza e raffinatezza, conosciuti ed apprezzati in tutto il mondo.

Di grande interesse lo showcooking in gemellagio Alba – Cannes con le ricette della tradizione. IMPACT è il progetto di Alba Accademia Alberghiera e dell’Ecole Hotelière di Cannes, incentrato sullo scambio interculturale ed enogastronomico fra aree d’eccellenza come la Costa Azzurra e il territorio Unesco di Langhe-Roero e Monferrato.

Vi piacciono le bollicine? Nel 2018 sono state 700 milioni le bottiglie di bollicine italiane stappate nel mondo.

Gli spumanti rispecchiano la grande varietà del territorio italiano, e nella cornice fieristica si è andati alla ricerca della bollicina perfetta. Ogni calice di spumante diventa così una caccia al tesoro celata dal tappo di ogni bottiglia.

Il viaggio della “bolla” si compie nell’attimo di incontro tra il bicchiere e la bocca, ma inizia da territori molto lontani tra loro, attraversando tradizione e sperimentazione di stili diversi per regole di disciplinari e micro produzioni.