E’ l’aperitivo più famoso al mondo, il cocktail italiano per eccellenza – perfetto equilibrio fra Campari, Vermouth Rosso e Gin – e quest’anno celebra i suoi 100 anni.

Stiamo parlando del Negroni, che nacque nel 1919 al  Caffè Casoni a Firenze, creato dal barista Fosco Scarselli e servito al Conte Camillo Negroni, dal quale prese il nome.

La Negroni Week

Per la speciale ricorrenza si è pensato a una iniziativa internazionale, la Negroni Week in programma dal 24 al 30 giugno 2019 ed estesa a bar, ristoranti e rivenditori.

In Italia ci sono 10 città interessate a questo evento: in questi sette giorni, migliaia di locali festeggeranno il secolo di vita del Negroni con un obiettivo di beneficienza condiviso, ossia devolvendo una piccola fee ad un’associazione umanitaria.

Tra queste città non poteva, ovviamente, mancare la Milano da Bere, con alcuni suoi iconici locali: The Doping Club, Dhole Milano, Fonderie Milanesi, The Spirit, Dry Milano, Bulk Mixology Food Bar, Terrazza 12, Swiss Corner, Otivme Bob Milano Lounge Bar.

Una storia lunga un secolo.

Si narra che il Conte Negroni, per dare un tocco corroborante al suo cocktail preferito –l’americano– chiese di sostituire il seltz con un tocco di gin, contaminato da un recente viaggio a Londra.

Per personalizzarlo ancor più, il barman, in sostituzione della mezza fettina di limone, ne inserì mezza di arancia e da quel momento tutti i frequentatori del locale iniziarono a ordinare un “Negroni”, cosicché la fama si diffuse dalla Toscana al resto dell’Italia e dallo Stivale nel mondo.

Letto questo?  Il tramonto più bello del mondo è in Calabria: sulla Costa degli Dei, il sole bacia lo Stromboli

E’ tuttora, dopo cento anni,  una delle pietre miliari per tutti gli esperti di cocktail, tant’è che il noto barman Luca Picchi nel 2015 ha pubblicato il libro dal titolo “Negroni Cocktail – Una Leggenda Italiana“.

Afferma Luca: “Una ricetta così equilibrata tra le parti è una rarità all’interno della cultura della mixology, ragione per la quale il Negroni continua a resistere alla prova del tempo e a essere – con la sua base fondamentale di Campari – una delle bevande preferite dal pubblico di tutto il mondo e che continuerà a esserlo per molti anni a venire”.

Lorenzo Sironi, Senior Marketing Director Campari Italia. 

Soddisfazione per il traguardo secolare dell’aperitivo Negroni è stata espressa anche da Sironi che afferma: “Siamo così orgogliosi di veder crescere la popolarità del Negroni, e ancora più lieti di celebrarne quest’estate in tutto il mondo il suo il centenario, così come il Campari, “cuore rosso” del Negroni, è orgoglioso di essere parte fondamentale di questa eredità”.

Del resto, Campari un classico contemporaneo e carismatico, base di molti cocktail, che nacque a Novara nel 1860.

E’ ottenuto dall’infusione di erbe amaricanti, piante aromatiche e frutta in alcool e acqua. Con il suo colore rosso acceso, l’aroma intenso e il sapore unico, è sempre stato il simbolo di fascino e piacere.

Dunque… che la Negroni Week abbia inizio!