Viaggi del Gusto Magazine

VdG Magazine – i Viaggi del gusto, è un magazine online di approfondimento sul mondo dell’enogastronomia, del turismo, della ristorazione e del Made in Italy nella sua accezione più ampia.

Menù

Ultimi articoli

Benvenuti nel pianeta terra

26 Settembre, 2020

Petilia Experience, ad Altavilla Irpina l’appuntamento è con il Greco di Tufo

Shares

Petilia Experience – l’ appuntamento è per sabato 12 settembre – ci consente di raccontare di una solida realtà, ormai ritenuta punto di riferimento per i vini d’Irpinia e massima espressione del Greco di Tufo.

Roberto Bruno – Foto © Marina Alaimo

E’ l’Azienda Agricola Petilia

Fondata da Roberto Bruno alla fine degli anni ’80, vede il coinvolgimento di una giovanissima “donna del vino”, Teresa, cresciuta tra vigne e trattori fino a cadenzare il ritmo della propria vita con quello delle vigne, della vendemmia e dei vini in cantina. I due fratelli nell’Azienda Agricola di famiglia producono vini che raccontano la vitalità di questi suoli unici nella conformazione, con trasparenza e rispetto. E Petilia rappresenta per la famiglia Bruno il luogo dove tutto è possibile.

Teresa Bruno – Foto © Marina Alaimo

Le vigne del Greco di Tufo

Ad Altavilla Irpina, Teresa e suo fratello Roberto lavorano quotidianamente per la valorizzazione delle vigne vitate a Greco di Tufo, l’antico vitigno che proprio in questo territorio regala vini bianchi di grande personalità e capaci di evolvere in maniera sorprendente nei tempi lunghi. La Vigna QuattroVenti è a Chianche, Selva Solina a Santa Paolina, Campofiorito ad Altavilla Irpina.

Da ognuna la famiglia Bruno ricava una etichetta specifica: Quattroventi è la selezione, ProfiloGreco è il Greco di Tufo naturale, e poi ci sono i Tradizionali.

La Tenuta ad Altavilla Irpina – Foto © Azienda Agricola Petilia

Petilia e un territorio da difendere

Teresa Bruno attualmente al centro di una dura battaglia per evitare la costruzione di un biodigestore proprio a Chianche, nel pieno dei vigneti più vocati per la produzione di Greco di Tufo.

Letto questo?  Torna la Festa del Moco delle valli della Bormida

“Abbiamo imparato a conoscere ogni pietra e granello di terra nelle diverse vigne di proprietà – ci racconta Teresa Bruno. Qui, il Greco di Tufo si esprime in maniera diversa e sempre profonda. Abbiamo pensato l’appuntamento PETILIA EXPERIENCE perché vogliamo raccontarvi le nostre vigne, ognuna con le proprie caratteristiche modulate su suoli differenti, come diverse sono le esposizione, le pendenze e le altitudine”. Un territorio che va protetto e difeso!

Petilia Experience- Foto © Marina Alaimo

L’appuntamento di Petilia Experience

Ad Altavilla Irpina, sabato 12 settembre (per prenotazioni, info e costi contattare Angela al 327 0819742), sarà quindi una giornata dedicata alla Terra del Greco di Tufo. L’Azienda Petilia aprirà le porte della Cantina e, insieme alla giornalista Marina Alaimo, racconterà i vini che, in abbinamento ai prodotti tipici del territorio, si potranno così degustare

Come il Greco di Tufo docg 2019 dalla vigna di Santa Paolina, il Greco di Tufo docg 2019 dalla vigna di Campofiorito in Altavilla Irpina, il Greco di Tufo docg 2018 dalla vigna di Feudi Sant’Andrea in Chianche e infine il Greco di Tufo docg 2017 dalla vigna QuattroVenti in Chianchetelle.

In attesa di degustare e raccontare ancora di questo nettare… mettiamoci in viaggio verso la Terra del Greco di Tufo!

I VIGNETI e i VINI biologici di PETILIA scelti dalla campagna OnLine #ioProducoItaliano 🇮🇹 PETILIA – Altavilla Irpina 🇮🇹 L’Italia che lavora e si distingue nel Mondo 🇮🇹 L’Agricoltura non si ferma Mai 🇮🇹 Noi non ci Fermeremo Mai 🇮🇹

Posted by Teresa Bruno Di Petilia on Saturday, April 18, 2020

Filippo Teramo

Appassionato di enogastronomia, da giornalista ed esperto di marketing è impegnato a valorizzare le tante eccellenze, i territori e gli eventi del turismo sensoriale. Per la sua passione per il mondo del vino e del buon cibo si autodefinisce “giornalista per passione e buongustaio per professione” sfruttando l’enogastronomia per narrare di prodotti tipici e territori identitari. Giornalista eclettico, vanta diverse collaborazioni con giornali, riviste e televisioni, e da cronista di gastronomia ama raccontare storie di persone, cibi e curiosità. Il suo sguardo "del Sud", terra che definisce “maledettamente bella”, è visibilmente innamorato di tutto ciò che descrive e che tocca le corde dei sensi.

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Top