Viaggi del Gusto Magazine

VdG Magazine – i Viaggi del gusto, è un magazine online di approfondimento sul mondo dell’enogastronomia, del turismo, della ristorazione e del Made in Italy nella sua accezione più ampia.

Menù

Ultimi articoli

Dolce mestiere

2 Dicembre, 2021

La via delle Erbe

5 Febbraio, 2023
bit

Premiati al TTG di Rimini i vincitori delle eccellenze enogastronomiche italiane

Shares

Contenuti dell'articolo

Si è conclusa anche la quinta edizione del Premio GIST (Gruppo Italiano Stampa Turistica) Travel Food Award riservato alle eccellenze enogastronomiche selezionate in Italia e nel mondo. Protagonisti di questa edizione il Piemonte, l’Alto Adige e la Sicilia per l’Italia, Croazia, Anguilla e Spagna per i Paesi stranieri, mentre è stato assegnato alla Liguria il Premio speciale.

GIST Travel Food Award

Il premio è stato consegnato durante il TTG di Rimini dalla Presidente del GIST Sabrina Talarico e dalla Presidente del Premio TFA Elena Bianco, insieme al Direttore Marketing di ENIT Maria Elena Rossi. Fanno parte della giuria Fabio Bottonelli, Marco Epifani, Alessandra Gesuelli, Carmen Guerriero, Riccardo Lagorio, Alberto Lupini, Giambattista Marchetto, Ada Mascheroni, Fabrizio Parisotto (Salce) e Marina Tagliaferri.

Sono stati valutati destinazioni, eventi, campagne di marketing e anche pubblicazioni di turismo enogastronomico con una particolare attenzione quest’anno alla sostenibilità dei progetti concorrenti, intesa non solo come buone pratiche nel settore agroalimentare, ma anche come ricadute positive sulla popolazione locale e tutela della tradizione, unicità e identità culturale.

­I premi

­Miglior destinazione enogastronomica – Italia: La Scuola della Roccaverano. Il premio è andato al Consorzio e alla Pro Loco che secondo la giuria hanno saputo creare in Roccaverano una sorta di showroom dedicato al noto formaggio DOP, la Robiola di Roccaverano. La Scuola non è solo strumento di promozione e comunicazione, ma anche un luogo d’incontro e di visita per gli appassionati, un sito gastronomico, culturale e un centro di documentazione che attira turisti e visitatori. Dal 2019, la Scuola organizza visite nelle aziende agricole per vedere come nasce la Robiola, crea l’occasione per i produttori di raccontare la storia e il futuro della loro attività e suggerisce l’abbinamento ai vini del territorio. La Scuola è inoltre sede di una mostra fotografica permanente che racconta, attraverso gli scatti del fotografo Manuel Cazzola, il mondo della DOP.

Miglior evento enogastronomico – Italia: La giornata delle castagne “Keschtnriggl”. L’Associazione Turistica Lana e dintorni che da 25 anni in autunno propone questo appuntamento, viene premiata poiché grazie ad esso fa sì che gli abitanti si mescolino con i turisti armonizzando usi e costumi tradizionali con la modernità e rispettando l’ambiente. Si festeggiano le castagne, alimento prezioso fin dal Medioevo,  mentre il “Keschtnriggl” è l’utensile in legno di castagno e salice che da secoli viene utilizzato per sbucciare le caldarroste. Durante le giornate, ristoranti selezionati servono piatti tradizionali e innovativi a base di castagna, e un ricco programma di appuntamenti e di escursioni a tema completa l’offerta. Cuore dell’evento è la Festa a Foiana, con musiche tradizionali, mercato contadino, specialità a base di castagna.

Miglior campagna di marketing nell’ambito del turismo enogastronomico – Italia: Tradizione e innovazione nell’enogastronomia eoliana – Capitolo primo Salina. Viene assegnato il premio perché le eccellenze eoliane (capperi, vini, olio, conserve) non sono semplicemente offerti in degustazione, ma vengono anche narrate, attraverso forme d’arte. La prima isola a raccontarsi è Salina: in una performance artistica i prodotti, la cucina e i paesaggi si riveleranno a ritmo di musica. Un documentario di 30 minuti, invece, offre un palcoscenico alle storie dei piccoli produttori: il pomodoro siccagno, le delizie della Malvasia, le ricette del cappero candito, delle conserve e delle granite sono ambientati nella splendida Salina, la più verde delle Eolie.

Letto questo?  Pitti Taste, la pasta è servita!

Miglior destinazione enogastronomica – Estero: Istria – Best Food & Wine Destination. Vince il premio l’Istria, che già nel XIX secolo conquistava la nobiltà e gli intellettuali europei grazie alla sua bellezza naturale, all’eredità veneziana e austroungarica, al multiculturalismo latino, slavo e germanico. Dagli ultimi anni Novanta l’ente per il turismo della regione inizia un’imponente opera di sviluppo turistico che ha come caposaldo il settore agroalimentare. Nascono le strade del vino, le manifestazioni legate all’olio extravergine di oliva, si recupera la tradizione della cerca del tartufo, si ottiene la prima certificazione europea grazie al prosciutto. Accorte politiche, inoltre, mettono al centro dell’attenzione le fonti di energia rinnovabili, le riserve e i parchi naturali, i piani urbanistici rispettosi dell’ambiente. Numerosi eventi gastronomici hanno infine destagionalizzato il territorio dell’Istria.

Miglior evento enogastronomico – Estero: Anguilla Culinary Experience. Il premio va a un festival che ha visto, lo scorso maggio, la partecipazione degli chef dell’isola di Anguilla e da tutto il mondo. Cinque giorni che hanno proposto la ricca tradizione gastronomica di Anguilla, basata su prodotti locali freschi, con un tocco internazionalità. L’obiettivo era confermare lo status dell’Isola come Capitale culinaria dei Caraibi per il livello elevato dei suoi ristoranti, sia di quelli fine dining sia di quelli di cucina tradizionale. Lodevole anche lo sforzo per supportare le nuove generazioni di chef locali. I giovani hanno potuto lavorare al fianco dei colleghi più esperti e, con parte dei proventi della manifestazione, potranno accedere a corsi di formazione sia per la cucina sia per l’ospitalità.

Miglior campagna di marketing nell’ambito del turismo enogastronomico – Estero: Dia Mundial de la tapa (Spagna). Vince non solo per l’ampio respiro a livello internazionale del progetto, ma per la capacità di raccontare uno stile di vita e di consumo, le tapas, nelle loro mille sfaccettature e potenzialità. Coinvolti le Ambasciate spagnole e ristoranti spagnoli all’estero, con eventi, show cooking, audiovisivi e campagne social. Tutto per trasmettere un’esperienza gastronomica che non solo fa conoscere ai turisti i sapori spagnoli, ma li proietta nella vita quotidiana della gente del posto, attraverso la condivisione di un momento di socialità, l’ora dell’aperitivo con le tapas. Un tipo di preparazione, una mini-ricetta, che permette di far vivere il territorio e la sua tradizione e che è avvicinabile per facilità di consumo e prezzi contenuti, anche dai più giovani.

Miglior pubblicazione di turismo enogastronomico – Premio speciale: Tavole DOC Liguria. Vince il premio una guida, cartacea e online, che scava fra le pieghe della ricchezza agroalimentare regionale della Liguria, con unico fil rouge: la focalizzazione sul patrimonio enogastronomico autoctono. In queste pagine compaiono ristoranti che rispettano stagionalità e territorialità nella scelta del menù e che propongono i prodotti liguri migliori. Completa l’indicazione per ciascuno di una ricetta “simbolo”, abbinata a un olio e un vino. I ristoranti della Guida, inoltre, propongono in carta un menù completo “Tavole Doc” a prezzo vantaggioso: una buona idea per avvicinare i giovani a un’alta ristorazione consapevole e sostenibile.

Marzia Dal Piai

Pur non essendo una grande cuoca amo mangiare bene e sono curiosa. Sicuramente i dolci sono le cose che riesco a fare meglio, sono davvero golosa! Giornalista professionista sono passata dal raccontare la cronaca per quotidiani e televisioni, ad occuparmi di sport e turismo mie grandi passioni da sempre. L'ho fatto come cronista e anche come ufficio stampa. Il buon cibo e lo sport, fatto con amore, riempiono la vita mia e della mia famiglia. Mi piace conoscere, viaggiare e incontrare persone nuove.

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top