Un passo in più per la trasparenza, soprattutto quando si parla di salute e nutrizione. Da oggi in avanti, infatti, sui prodotti confezionati dovranno essere tassativamente riportate tutte le informazioni su calorie, grassi, zuccheri e sale. Così si aumenta la tutela e l’informazione dei consumatori, realizzando una normativa comune a livello europeo, e si va anche incontro alle esigenze dei produttori. Entra quindi in vigore l’obbligo della dichiarazione nutrizionale sull’etichetta di tutti gli alimenti pronti al consumo. Una norma che la Cia-Agricoltori Italiani giudica molto positiva.Sui prodotti confezionati dovranno essere inserite tassativamente tutte le informazioni nutrizionali ed essere ben leggibili: quindi tabelle contenenti le calorie e il valore energetico, i grassi di cui quelli saturi, i carboidrati con specifico riferimento agli zuccheri e il sale, espressi come quantità per 100 grammi o 100 millilitri. Saranno invece esentate dall’etichetta nutrizionale tutte le aziende agricole definite come microimprese e quelle che vendono direttamente al consumatore finale o a esercizi di vendita al dettaglio, purché nella stessa provincia. “Una decisione giusta”, sottolinea in una nota la Cia “sia per non appesantire realtà piccole e a conduzione familiare con ulteriori adempimenti burocratici, sia perché il valore “didattico” della vendita diretta consente già di far dialogare produttore e consumatore senza intermediari e quindi di conoscere origine dei prodotti, storia e valori degli agricoltori, qualità e salubrità di frutta e verdura.” Per saperne di più:www.cia.it

Letto questo?  E il prosecco diventa protagonista sulle note di Mahmood