Da Retrobottega, in Via della Stelletta, mai posto (e sono 14!) fu più ambito del bancone. Si tratta di un “laboratorio gastronomico” di cucina di straordinario livello gestito da chef giovanissimi (tutti sotto i 30): materie prime semplici e stagionali, ma tante idee e sapienza. L’atmosfera è conviviale, tanto che ci si apparecchia e serve da soli. Mai abbinamento fu più azzeccato per il cuoco sommelier Gianni Ruggiero di quello con lo storico forno Colapicchioni nel quartiere prati, nei cui locali accoglienti è nato Sogno Autarchico, enobistrot in miniatura. Anche qui i posti più ricercati sono intorno al bancone, un inno alla convivialità. Da lì si spia l’oste che prepara una lasagnetta con verdure, un baccalà sfilacciato e servito a zuppa, uno stracotto al Nebbiolo. Si beve a mescita, e non solo, mentre si sgranocchia una pizza buona come poche per approdare al dolce altrettanto libidinoso. Si svolge tutta al bancone su cucina a vista anche la vita di Banco in Via Ostiense, e da pochissimo anche a Trastevere, fast food si iperqualità: produttori biologici, pane d’autore, cotture light, rolls integrali, burger vegani.  Per saperne di più:www.retro-bottega.comwww.facebook.com/SognoAutarchicowww.bancofastfood.com

Letto questo?  Dry Martini e Don Geppi: al Majestic Palace di Sorrento cocktail di eccellenze