Viaggi del Gusto Magazine

VdG Magazine – i Viaggi del gusto, è un magazine online di approfondimento sul mondo dell’enogastronomia, del turismo, della ristorazione e del Made in Italy nella sua accezione più ampia.

Menù

Ultimi articoli

Dolce mestiere

2 Dicembre, 2021

La via delle Erbe

5 Febbraio, 2023
bit

Dalla melanzana rossa al fagiolo bianco, i sapori del Pollino

Shares

Contenuti dell'articolo

E’ lei la regina della tavola del Parco Nazionale del Pollino, la melanzana, ma non quella che è commercializzata un po’ ovunque, questa ha una particolarità tutta speciale, è rossa!

La Melanzana Rossa di Rotonda DOP è un ortaggio prodotto in un’area ristretta nei comuni di Rotonda, Viggianello, Castelluccio Superiore e Castelluccio Inferiore, in provincia di Potenza. Ha forma tondeggiante simile a un pomodoro e pesa fino a 200 g. Le sue origini sono africane e tradizionalmente si conservano nzertate, ovvero legate a grappoli e appese sotto tettoie ad asciugare. Le ricette lucane le sanno esaltare, ad esempio provatele fritte e aromatizzate con menta e aglio; oppure abbinate al caciocavallo per condire fusilli; mescolate alla salsiccia per le polpette. Inoltre sono ottime anche sottolio e sotto aceto.


Il Fagiolo Bianco di Rotonda DOP bianco e privo di screziature, viene seminato entro la prima metà di giugno e raccolto a mano tra settembre ed ottobre. Nelle ricette si possono trovare nella “scarola e fagioli bianchi”, accompagnati ai cavoli e nelle “patate e fagioli minestra impastata”. Sono prodotti tipici del Parco Nazionale Pollino anche i biscotti a otto, biscotti prima scaldati in acqua bollente e poi cotti in forno. La loro caratteristica forma a otto richiama simboli magici e l’infinito. Con i prodotti della terra locali si fanno anche i liquori come l’amaro del Pollino fatto con una miscela di erbe aromatiche della zona.


Il miele del Pollino

E’ un prodotto artigianale, morbido, dolce, dai profumi intensi ed è usato soprattutto nella preparazione di dolci. Sono disponibili diverse varietà, dal miele millefiori al miele di eucalipto, la melata, quello di erica, di arancio e di acacia. Anche la coltivazione dell’olivo ha ampia diffusione in tutta l’area del Parco dove svolge anche una importante funzione di salvaguardia dell’assetto idrogeologico e del patrimonio di biodiversità.
Un altro prodotto tipico è il Paddaccio, un formaggio che si ottiene dalla trasformazione del latte derivante da allevamenti di pecore e capre allevate al stato brado e semibrado.

Letto questo?  La rinascita della cicerchia, antico legume di Sicilia


In bici

Vi proponiamo di andare alla scoperta delle meraviglie enogastronomiche del Pollino attraverso un itinerario in bici di 65 chilometri che parte da Rotonda, sede del Parco Nazionale del Pollino, e arriva a Maratea, la perla del Tirreno. E’ un tour di media difficoltà, percorribile in una singola giornata, che segue in parte la ciclabile Rotonda – Lagonegro, ricavata dall’ex ferrovia dismessa delle Ferrovie Calabro Lucane.

Si pedala dunque nel Parco Nazionale del Pollino, attraversando aree verdi e boscose, passando per Lauria, alle cui spalle si innalzano le vette del massiccio del Sirino. Passato il Lago Sirino, si lascia la ciclovia per iniziare una discesa in direzione Rivello. Dopo 9 km di strada interna si sale a Trecchina, ed infine si scende verso Maratea “la città delle 44 chiese”.

Redazione Viaggi del Gusto

La redazione di VdgMagazine è composta da appassionati e professionisti del Viaggio e del Gusto. Si avvale di collaboratori dalle molteplici competenze professionali. Tutti accomunati dalla passione per il racconto.

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top