Viaggi del Gusto Magazine

VdG Magazine – i Viaggi del gusto, è un magazine online di approfondimento sul mondo dell’enogastronomia, del turismo, della ristorazione e del Made in Italy nella sua accezione più ampia.

Menù

Ultimi articoli

Padova, in piazza dei Signori debutta lo street food della Prosciutteria

Shares

Terza apertura in Veneto per il “non-ristorante” più vintage d’Italia: col suo arredo ispirato al riciclo creativo, La Prosciutteria porta in sei regioni schiacciate, porchetta, taglieri di salumi e formaggi made in Tuscany.

La Prosciutteria

Un pezzo di Toscana nel cuore di Padova: è al numero 5 della centralissima piazza dei Signori, che fa il suo debutto il “non-ristorante” più vintage d’Italia, La Prosciutteria. Al suo terzo locale nel Veneto – il primo era stato inaugurato a Verona nel 2019 in piazza Erbe, il secondo lo scorso settembre a Venezia, nel sestiere di Cannaregio – il brand toscano continua la sua espansione nel nord est, portando con sé i suoi due elementi caratterizzanti: a far da filo conduttore sono da un lato le schiacciate e i taglieri più famosi d’Italia di salumi e formaggi made in Tuscany, e dall’altro il particolare arredo basato sul riciclo creativo, ossia il riutilizzo di pezzi anche importanti provenienti da ville storiche, fattorie, antiche case coloniche e nobiliari.

Non a caso, la scelta di una posizione centrale come piazza dei Signori conferma la volontà del brand di investire in ogni città su location dal fascino particolare a livello storico e architettonico, pur mantenendo la stessa qualità della prima bottega aperta a Firenze undici anni fa.

La Prosciutteria Padova

E’ aperta tutti i giorni dalle 11 alle 23: per residenti, studenti e turisti sarà occasione di assaggiare le tipicità dello street food toscano in un contesto inconsueto. Nel locale di piazza dei Signori c’è da restare a bocca aperta: il controsoffitto è formato da un centinaio di imposte provenienti da antiche finestre, mentre un’intera parete è realizzata con forme di scarpe in legno di faggio, prelevate da un vecchio calzaturificio di Montecatini. In due sale è stato invece ricostruito un piccolo bosco, usando piante dell’azienda agricola della casa madre nel Chianti e veri alberi di quercia.

Letto questo?  A tavola e nei bar, le pietanze e i cocktail dedicati ai VIPS

Un’altra parete è arredata con una collezione di stampe di fine Ottocento, mentre in una stanza è stata ricostruita una legnaia in stile montanaro, e in un’altra ancora è presente un dondolo su cui rilassarsi. Infine, il bancone drink è ricavato da uno antico pezzo in stile francese con fregi in ottone, con al centro una vecchia ghiacciata che sarà riutilizzata per contenere il ghiaccio necessario a preparare i cocktail.

Ma oltre alla forma c’è anche tanta sostanza, con gli evergreen della cucina popolare “fast” toscana, dai taglieri di salumi e formaggi (pecorini di varie stagionature aromatizzati come quello al pepe o al rosmarino oppure ai semi di finocchio o all’olio) alle schiacciate farcite, dai carpacci alla rinomata porchetta del Chianti cotta nel forno a legna fino a qualche piatto caldo della tradizione toscana come la pappa al pomodoro, da gustare insieme a vini di produzione propria come Chianti e Chianti Classico.

Il tutto con un servizio informale e un clima quasi familiare: ad esempio, l’acqua microfiltrata gratuita può essere riempita alla fontanella. Più che un ristorante, insomma, una bottega d’altri tempi dove si mangiano taglieri di salumi e formaggi, carpacci, schiacciate ripiene da accompagnare a una delle 120 etichette, tra cui 14 in degustazione a bicchiere.

Marco Gemelli

Classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society, dell’Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana e presidente della Italian Chef Charity Night.

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top