Ogni anno l’influenza e la febbre tengono a letto milioni di persone. Se proprio non si riesce a passare l’anno indenni, il cibo ci viene in aiuto per prevenire i malanni di stagione e combattere la temperatura corporea troppo alta. Il primo rimedio è proprio quello della nonna, lo sanno tutti, bere acqua e liquidi in genere fa sempre bene, ma quando il nostro fisico non è al top fa super bene perché si suda molto e si rischia la disidratazione.
Con la febbre l’appetito cala e un’alimentazione adeguata prevede, come vi abbiamo appena suggerito, l’assunzione di molti liquidi e alimenti leggeri, magari si possono scegliere quelli che contengano in natura sostanze antibiotiche. Bene fa la frutta in tutte le forme, intera, frullata, centrifugata; ottime le verdure succose e carnose come pomodori e zucchine; ma sono alimenti indicati anche verdure come patate, carote, zucca, cipolle e aglio che sono cibi ricchi di sostanze antibiotiche. Questi alimenti servono per ripristinare l’equilibrio idrico e salino, inoltre frutta e verdura sono ricchi di tante vitamine.

Dove si trovano le vitamine

L’alfabeto delle vitamine per intero ci viene in aiuto. Vitamine per prevenire, per curare, per ristabilire e rinvigorire l’organismo. Fanno bene tutte e non serve passare in farmacia, la natura il cibo ce ne fornisce in quantità. Un piccolo “assaggio”. La vitamina A la possiamo trovare nel mango, nella zucca, nei broccoli e nella papaia. La vitamina B si trova in melone, albicocche, frutti di bosco, carote, cavolo, spinaci, fagioli, piselli e peperoni. La vitamina E in pomodori, spinaci, broccoli, ceci e asparagi. Non ultima la vitamina C in kiwi, agrumi di tutti i tipi e broccoli.

Ribes rosso conto la febbre

E’ buono nei dolci, come marmellata, nelle macedonie, ma pochi sanno che il succo di ribes rosso assieme ad acqua e succo di limone è utile nei gargarismi contro il mal di gola e si può usarlo anche nel caso di febbre. Ricco di vitamina C ha una funzione rinfrescante e digestiva.

Letto questo?  10 dolci tipici pasquali: la tradizione regionale a tavola

Una tisana di salute

Con la febbre è piacevole bere qualcosa di caldo quando si hanno brividi di freddo un consiglio è utilizzare tisane e infusi che scaldano e aiutano a bere. Per la febbre si può bere l’infuso di fiori di Sambuco utile per facilitare la sudorazione e per rinforzare le difese immunitarie. Per rendere l’effetto della tisana ancora più forte dolcificatela con abbondante miele, l’antibiotico più naturale che ci sia.

Per recuperare le forze

E se la febbre ti ha buttato a terra ricaricati di vitamine. Come abbiamo visto si trovano in abbondanza nel cibo che metti nel piatto. Per il post influenza ti consigliamo quei cibi che contengono tanta vitamina C, fondamentale per rinforzare le difese immunitarie provate dalla recente lotta contro il virus. Sì ad agrumi, magari anche in forma di spremute fresche, e poi kiwi, fragole, ribes nero, pomodori, peperoni, broccoli, rucola, cavoli, cavolfiori e spinaci.

Per la salute

Per mantenere una buona salute generale serve avere dei polmoni che funzionano bene. Per rinforzare i polmoni è utile fare esercizi di respirazione e, anche se sembra una banalità, respirare correttamente è di grande aiuto per pulire e rafforzare i polmoni. Utile anche fare dei massaggi: con la mano a coppa date dei colpetti sul torace partendo dal basso vicino al fianco e risalite verso il petto terminando sotto la clavicola. Ritornando al cibo l’aglio è un prodotto naturale che aiuta ad aprire i bronchi, permettendoci di respirare meglio. L’aglio pulisce i polmoni poiché è in grado di eliminare i materiali nocivi che sono soliti depositarsi in essi. Si può anche preparare un catino con dei suffumigi naturali contenente eucalipto o limone.