Viaggi del Gusto Magazine

VdG Magazine – i Viaggi del gusto, è un magazine online di approfondimento sul mondo dell’enogastronomia, del turismo, della ristorazione e del Made in Italy nella sua accezione più ampia.

Menù

Ultimi articoli

La micòoula è più facile da mangiare che da dire

Shares

Castagne, noci, fichi secchi, uva passa e, a volte, perfino scaglie di cioccolato: sono questi i golosi ingredienti che contraddistinguono la micòoula, un dolce tipico della bassa Valle d’Aosta che può essere considerato a tutti gli effetti un antenato del nostro panettone. Il dolce caratteristico di Hone, delizioso borgo della vallata di Champorcher, quest’anno verrà celebrato con una festa a lui dedicata che avrà luogo dal 2 al 9 dicembre. Il momento clou della manifestazione sarà il mercatino dell’8 dicembre, durante il quale si svolgeranno anche dimostrazioni e lezioni di impasto e cottura del pane. Durante la festa, inoltre, ci saranno tantissime attività, adatte anche ai più piccoli, e non mancheranno danze, rievocazioni e menù a km 0.

La storia di un dolce difficile solo da pronunciare

Ora, un po’ di storia: la micòoula nasce come un pane di castagne che in epoca Medievale veniva impastato dalle donne del territorio. Il suo nome deriva dal franco-provenzale patois, che letteralmente significa “pane un po’ più piccolo e un po’ speciale”. Con il passare dei secoli, alla ricetta base si sono aggiunti i vari ingredienti che lo hanno trasformato in questo delizioso dolce natalizio. L’impasto con la farina di segale, che lo caratterizza, è dovuto al fatto che in passato questo tipo di farina era più facilmente reperibile rispetto a quella di frumento e resisteva meglio alle basse temperature della zona valdostana. Era, quindi, un pane che poteva essere conservato anche per lunghi periodi senza il rischio che deperisse.

Micòoula o Mecoulen?

Attenzione, però, a non confondere la micòoula con il suo “vicino di casa”, il mecoulen, chiamato anche pan dolce di Cogne. Quest’ultimo è una torta molto soffice che è nata come specialità del Natale, ma in realtà è venduta tutto l’anno nelle località ai piedi del Gran Paradiso. Il suo impasto consiste in farina, lievito, latte, uova, zucchero, burro, panna e uvetta e viene aromatizzato con rhum e scorza di limone.

Hone è molto di più….

Hone, però, non è solo micòoula e riserva sorprese continue ai visitatori. Da vedere la chiesa di San Giorgio, dove è custodito un vero e proprio tesoro di capolavori. Al suo interno, infatti, è possibile ammirare tre altari in legno scolpito e dorato, un pulpito intagliato con la leggenda di San Giorgio e una incantevole cantoria, anch’essa scolpita.

Andar per boschi e placche

L’antico borgo, inoltre, è il punto di partenza di numerosi itinerari che raggiungono i boschi e portano a meravigliosi punti panoramici: segnaliamo il sentiero che conduce al belvedere di Pourcil. Per i più sportivi evidenziamo, invece, le “Placche di Oriana”, un percorso di arrampicata che piacerà senza dubbio agli appassionati.

Laura Carbonetti

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top