Viaggi del Gusto Magazine

VdG Magazine – i Viaggi del gusto, è un magazine online di approfondimento sul mondo dell’enogastronomia, del turismo, della ristorazione e del Made in Italy nella sua accezione più ampia.

Menù

Ultimi articoli

Alimentazione e bambini, come imparare a mangiare bene

Shares

Obesità dilagante tra i giovanissimi. E la strada per una corretta alimentazione potrebbe passare per le fattorie didattiche.

Il problema infatti non è da sottovalutare: dal 2000 al 2016, la percentuale di bambini sovrappeso fra i 5 e i 19 anni è raddoppiata da 1 su 10 a circa 1 su 5.

Nel nostro paese la percentuale è del 36,8%, con un aumento del 39,1% rispetto al 1990. Si tratta di dati forniti dal rapporto dell’Unicef che accende i riflettori su uno spaccato inquietante.

Già perché la situazione non sembra migliorare con il passare del tempo, tanto che nel 2019 è stato stimato che in tutto il mondo un miliardo e 600 milioni di persone è in sovrappeso, di cui oltre 600 milioni sono obese.

Non solo: l’impatto economico di questa malattia e dell’eccesso di peso ponderale si stima pari al 4% della spesa sanitaria nazionale, per un totale di circa 4,5 miliardi di euro; l’8% della spesa sanitaria nella regione europea in costi diretti e almeno il doppio se consideriamo che tali patologie sono responsabili anche di costi indiretti.

Una battaglia davvero complicata da combattere che richiede un ventaglio molto ampio di armi da utilizzare.

E tra queste prendono piede le fattorie didattiche. Esatto, potrà sembrare strano ma proprio questi luoghi dove i bimbi, le scolaresche, gli insegnanti e i genitori vengono a contatto con il mondo rurale, diventano delle strade per percorrere per imparare una corretta alimentazione.

I bambini osservano da vicino il lavoro di contadini e agricoltori, capiscono in che modo frutta e ortaggi vengono lavorati, quali sono quelli di stagione, le loro proprietà e la loro bontà. Ma non solo: assaggiano anche i vari prodotti come formaggi, carni, pasta e perché no, dolci fatti in casa, frutto di fatica e lavoro, con ingredienti semplici e genuini.

Letto questo?  Cucina pugliese in Guinea Equatoriale

Inoltre i piccoli vengono coinvolti attivamente, conoscono l’origine dei prodotti e assimilano ciò che nutre in modo sano e ciò che invece non rientra in queste categorie. Lezioni di benessere, insomma, che si possono impartire in modo divertente, passeggiando tra gli animali, tra i campi, all’aria aperta. In Emilia Romagna sono nate le prime, nel 1999, grazie al progetto Fattorie aperte, dell’assessorato all’Agricoltura, alle Province emiliano romagnole e ad Alimos, una società senza fini di lucro che ha come scopo quello di sostenere la tutela ambientale e la salute dei consumatori.

Ma già prima, nei primi del 900, in America e in Nord Europa, si è assistito al sorgere di molte strutture la cui finalità è quella di garantire uno sviluppo armonico dell’individuo attraverso il contatto con l’ambiente naturale.

Un modo per capire che i fast food, le merendine e il cibo spazzatura non sono l’unico modo per alimentarsi. Insomma, non solo strumenti istituzionali come il tavolo di lavoro per la prevenzione e il contrasto al sovrappeso e all’obesità, istituito con decreto ministeriale del 18 gennaio 2019, ma anche vie alternative che risultano essere sempre più efficaci.

Marzia Caserio

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top