Secondo l’autorevole testata di settore Wine Enthusiast, il Prosecco Rustico Nino Franco è al primo posto assoluto della classifica  “The Enthusiast 100” 2019 che ogni anno valuta i migliori vini del mondo.

 

Una bellissima notizia che coincide con l’altrettanto felice coincidenza dei 100 anni dell’azienda vinicola Nino Franco ma, anche e soprattutto, un riconoscimento importante per il territorio di Conegliano e Valdobbiadene, culla del Prosecco.

“Siamo molto felici – esclama Primo Franco – poiché  il mercato americano è stato il mio primo “sogno” quando ho mosso i primi passi in cantina, anni fa, e oggi rappresenta il 12% del nostro export”.

Primo Franco titolare della Nino Franco

 

Tom Stevenson, autore e critico britannico che da quarant’anni si occupa di vino ed è considerato la massima autorità mondiale nel campo dello Champagne e dei vini spumanti (nonché fondatore, nel 2014, di Champagne & Sparkling Wine World Championships (CSWWC) di cui presiede la giuria, non esita a definire “Nino Franco il più caratteristico Prosecco presente sul mercato che ha conquistato più medaglie d’oro di ogni altro produttore. La grande maggioranza dei consumatori dei prodotti Nino Franco – afferma Stevenson – deve necessariamente avere una brand-awareness, perché è uno dei più cari ed è praticamente impossibile da ordinare a caso”.

In effetti, molto spesso il Prosecco – a detta anche dello stesso Stevenson – viene ordinato semplicemente come “Prosecco”, come se fosse un cocktail.

Ecco perché il maggior consumo di Prosecco è dovuto ad un pubblico che non ama i vini spumanti fermentati in bottiglia e invecchiati sui lieviti. Ecco il perché del reiterato successo di una famiglia di attenti produttori.

Letto questo?  I grandi classici del Natale, panettone e pandoro si contendono lo scettro delle feste