Viaggi del Gusto Magazine

VdG Magazine – i Viaggi del gusto, è un magazine online di approfondimento sul mondo dell’enogastronomia, del turismo, della ristorazione e del Made in Italy nella sua accezione più ampia.

Menù

Ultimi articoli

Passaggio in Irpinia

3 Luglio, 2021

Puglia senza tempo

2 Febbraio, 2021

Guida Michelin 2021, arriva la Stella Verde per la gastronomia sostenibile

Shares

Una nuova Stella Verde brilla nella Guida Michelin. E’ la novità dell’edizione 2021 della Guida Michelin si è concretizzata nella presentazione di u nuovo simbolo Michelin che andrà a valorizza gli chef impegnati a favore della tutela dell’ambiente. Il nuovo simbolo distintivo vuole focalizzare il coraggio e la creatività degli chef nella pratica quotidiana del proprio mestiere e permettere ai viaggiatori di meglio orientarsi nella loro scelta.

La Guida Michelin per la sostenibilità

In video collegamento, Gwendal Poullennec, direttore internazionale della Guida Michelin, ha sottolineato la volontà della Guida «di fare da cassa di risonanza e far conoscere al grande pubblico l’impegno degli chef che hanno deciso di investire in una gastronomia, e quindi in una Società, più sostenibile, mettendo in evidenza coloro che si impegnano per offrire il meglio ai lori clienti».  E gli ispettori hanno ampliato i loro criteri di valutazione sottolineando anche le iniziative che vanno in questa direzione. Ecco quindi la creazione di un nuovo distintivo Verde – un trifoglio a 5 petali – che ricorda la stella Michelin.

Le 13 Stelle Verdi Michelin

GardeniaMariangela Susigan (Caluso), Don Alfonso 1890Alfonso ed Ernesto Jaccarino (Sant’ Agata sui Due Golfi), Osteria FrancescanaMassimo Bottura (Modena), DattiloCaterina Ceraudo (Strongoli), Lazaro 1915Piergiorgio Siviero (Pontelongo), Virtuoso Gourmet Tenuta le Tre VirtùAntonello Sardi (San Piero a Sieve ), JoiaPietro Leeman (Milano), D’ODavide Oldani (Cornaredo), I’ Ciocio-Osteria di SuveretoFabrizio Caponi (Suvereto), Casa FormatIgor Macchia  (Orbassano), St. HubertusNorbert Niederkofler (San Cassiano), Caffè La CrepaFranco Malinverno (Isola Dovarese) e Lanterna VerdeRoberto Tonola(Villa di Chiavenna).

Cuochi contemporanei e cucina sostenibile

E’ Massimo Bottura a sintetizzare la nuova mission del cuoco italiano «C’è bisogno di una cucina più sostenibile e combattere lo spreco alimentare. Il cuoco contemporaneo è chiamato ad agire e rendere visibile l’invisibile. Utilizzare il surplus alimentare per aiutare soprattutto i più bisognosi per “recuperare” dignità delle persone, del cibo e dell’anima». Gli fa eco Mariangela Susigan impegnata a far vivere l’orto «è bello vedere i clienti che prima visitano l’orto, è necessario creare consapevolezza ed immergersi in una vera experience».

Filippo Teramo

Direttore Responsabile di VdGmagazine - - Appassionato di enogastronomia, da giornalista ed esperto di marketing è impegnato a valorizzare le tante eccellenze, i territori e gli eventi del turismo sensoriale. Per la sua passione per il mondo del vino e del buon cibo si auto definisce “giornalista per passione e buongustaio per professione” sfruttando l’enogastronomia per narrare di prodotti tipici e territori identitari. Giornalista eclettico, vanta diverse collaborazioni con giornali, riviste e televisioni, e da cronista di gastronomia ama raccontare storie di persone, cibi e curiosità. Il suo sguardo "del Sud", terra che definisce “maledettamente bella”, è visibilmente innamorato di tutto ciò che descrive e che tocca le corde dei sensi.

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top