Domenica 13 marzo dalle 19 in scena la degustazione di un ensemble di sapori.

Ecco come provare a sedurre il palato con riso, pasta, caffè, olio, aceto balsamico, prosciutto, acciughe, giardiniera e vino di alta qualità ascoltando buona musica.

 

Una serata dedicata all’enogastronomia di qualità e alle eccellenze di diversi territori italiani, dalla Toscana alla Lombardia, all’Emilia Romagna alla Liguria. Dall’incontro tra differenti espressioni del made in Italy debuttano a Firenze una serie di connubi che giocano con i cinque sensi a voler quasi tentare di sedurre il palato. È l’evento “Cinquanta sfumature di gusto” organizzato in seno al “Fuori di Taste”, il calendario di appuntamenti in città legato alla kermesse che Pitti Immagine dedica al gusto (12-14 marzo 2016).

L’appuntamento per gli appassionati gourmet è per domenica 13 marzo in uno dei locali simbolo del bon vivre fiorentino, il Lungarno Bistrot in piazza Scarlatti 1/r. E’ qui che dalle 19 andrà in scena – insieme all’accompagnamento musicale affidato a un dj – la degustazione di alcune “perle” dell’enogastronomia nazionale, una selezione del presente e del futuro del made in Italy: la pasta dei fiorentini The Geometry of Pasta, il riso lombardo 100% Carnaroli di Riso D’Uomo, il caffè artigianale dell’Antica Tosteria Modena, l’olio ligure dal packaging ricercato di Galateo & Friends, l’aceto balsamico di Nero Modena, le verdure della Giardiniera di Morgan, le acciughe di Filet&Fish, il vino della Tenuta di Artimino e i salumi – prosciutto San Daniele Dop e Speck – dell’azienda agricola Cinausero. Un ensemble di sapori per autentici appassionati, insomma. Un viaggio del gusto per andare davvero… fuori di Taste.