Carpene Malvolti

Immaginate un tramonto da brividi e l’incomparabile vista su Cortina e sulle Dolomiti da una terrazza che ne abbraccia quasi a 360 gradi l’incommensurabile grandezza.

Noi di Vdgmagazine l’abbiamo provata, una sensazione magica grazie all’atmosfera che si gode dal Cristallo Resort & Spa Cortina, a cui si aggiunge una piacevole e delicata delizia per il palato.  

Abbiamo prima pedalato partendo proprio da questo luogo perfettamente attrezzato per i bikers e poi ci siamo fatti coccolare con delizie per il palato preparate dallo chef Marco Pinelli.  Il pomeriggio lo abbiamo trascorso nella Spa a rigenerarci con un “bagno” nella vasca gravitazionale e con massaggi sportivi altamente professionali.

Il quadro è già degno di sogni raffinati e di coccole Vip, poi ad aggiungere tutto l’eleganza e il look fresco del Cristallo Resort & Spa Cortina entrato a far parte The Luxury Collection e Luxury Bike Hotels

Ristorante Gazebo

La terrazza è la parte che più abbiamo impresso nel cuore con uno sguardo che domina Le Tofane, Le Cinque Torri. E se la vista si appaga, anche il gusto si impreziosisce. L’esperienza ci viene offerta dallo Chef Marco Pinelli e dalla sua cucina leggera ma saporita, ricercata e calibrata. E il viaggio del gusto si accompagna con quello della vista come l’impiattamento delle portate che a tratti ricorda quadri incorniciati sembrano. Complimenti a Pinelli per la sua interpretazione delle ricette e per questa esperienza originale, prelibata gustosa ma mai eccessiva.

Cristallo Resort & Spa Cortina

Il Cristallo fa parte della storia di Cortina d’Ampezzo, gestito dalla famiglia Gualandi, che ne è anche proprietaria, si qualifica primo mountain resort The Luxury Collection al mondo. Stiamo parlando di un albergo dalla doppia stagionalità che ha riaperto dopo una fase di rinnovamento delle camere e suite e di gran parte delle aree comuni.74 camere, tra le quali 20 suite e 2 Suite Presidenziali, offre una vista meravigliosa sulle bellissime Dolomiti circostanti. Il restyling è stato portato avanti rispettando il carattere tradizionale degli arredi, integrando il tutto con gli ausili tecnologici più moderni.

I tre ristoranti dell’albergo offrono agli ospiti una vasta scelta di specialità italiane e atmosfere accoglienti. La Stube 1872, arricchita da calde pareti in legno e un’antica stufa in majolica, offre un’intima esperienza e propone specialità locali.

Il Gazebo propone una sala circolare con vista a 360 gradi sui dintorni, dove gli ospiti possono gustare un’indimenticabile food experience.

La Veranda è un ambiente accogliente aperto per colazione e per pranzo, dove vivere un’esperienza gastronomica immersi nei più autentici sapori della cucina mediterranea. Durante i mesi estivi la terrazza apre le sue porte per offrire agli ospiti la possibilità di pranzare all’aperto, circondati dallo spettacolare panorama montano.

Tra le coccole dedicate agli ospiti anche La ULTIMATE SPA dove si trova il Transvital Swiss Beauty Center, che utilizza per i trattamenti materie prime locali ed offre rituali detox, anti-age, rilassanti e après ski.

Sappiamo che Cortina ospiterà le Olimpiadi del 2026 e guardiamo al futuro ricordando il passato. La struttura del Cristallo ha aperto per la prima volta nel 1901 e nella sua storia ha ospitato le Olimpiadi Invernali e accolto tantissimi ospiti celebri, troupe cinematografiche e personaggi famosi come Frank Sinatra.

Da sinistra il Restaurant Manager di Cristallo Resort, Diego Piergiovanni, Ludovica Casellati e lo Chef Marco Pinelli

Esperienze culinarie firmate Pinelli

All’ospitalità delle camere e alle coccole rigeneranti della Spa, si aggiungono le esperienze culinarie uniche grazie alla cucina dell’Executive Chef Marco Pinelli. Al timone dei tre ristoranti dell’albergo, Pinelli propone agli ospiti un percorso gastronomico alla scoperta dei prodotti locali e della tradizione ampezzana.

Il fil rouge che unisce le proposte di cucina di Chef Marco Pinelli è proprio la ricerca costante e l’amore per le materie prime d’eccellenza, in grado di trasformare ogni proposta in un piatto gourmet. In questa cucina si percepisce il profondo rapporto con i fornitori e la conoscenza del territorio.

Dallo scambio con i piccoli produttori locali, allevatori e agricoltori ampezzani, nascono nuovi piatti il cui intento è sempre quello di rispettare la materia prima e promuovere al meglio le ricchezze del territorio, trasformandole attraverso raffinate tecniche di cottura – dal sottovuoto all’essiccazione, dall’affumicatura alla marinatura – in esperienze sensoriali.

Per l’estate in corso, vengono proposte in alcune serate, le sfiziose pizze dello Chef pizzaiolo campano Franco Pepe. Sorprendenti ricette dove nulla è lasciato al caso: acqua, lievito e un ricercato blend di farine sono sapientemente dosati, la lievitazione è naturale. Gli ingredienti per la farcitura ricercati come le olive caiazzane, i pomodorini Piennolo del Vesuvio, le cipolle di Alife e i ceci delle colline Caiatine, i migliori Igp e Dop italiani, e su tutti, naturalmente, la Mozzarella di Bufala Campana DOP caseificio Costanzo.

La ricetta gustosa

Tra i piatti proposti troviamo in carta il Filetto di manzo “Damini” con rape, patata dolce e chips: l’incontro perfetto tra la migliore carne italiana proveniente dalla Selezione Damini – prima macelleria d’Europa ad aver ricevuto il riconoscimento della stella Michelin – e la verdura BIO al 100% sapientemente coltivata da un produttore locale di San Vito di Cadore. Il Risotto Vialone nano mantecato alla barbabietola con crema acida e uova di salmerino gigante alpino.

L’uovo barzotto su crema di patate con lamelle di tartufo nero e olio al timo e lo Spaghetto di grani antichi biologici e pomodorini del piennolo al basilico, sono tra le ricette più gustate nei ristoranti gestiti dallo chef Pinnelli. E per chi ama la tradizione ampezzana vi consigliamo di provare i Casunziei all’Ampezzana al burro di malga e salvia aromatizzato ai semi di papavero.

Da non perdere il 25 agosto Standing lunch in Ascot Style: l’eccellenza italiana in un pranzo divertente e raffinato, ospite lo chef Norbert Niederkofler, 3 Stelle Michelin.

Da assaggiare

Noi di Vdgmagazine vi consigliamo di assaggiare il Patè di fegatini gellificati al Porto rosso e Babà al caffè, Roccia di cavolo con crema di cavolo; l’uovo di quaglia barzotto, mezzo crudo e mezzo cotto, impanato e fritto con crema di patate e tartufo nero, un piatto adatto all’estate.

Tonno scottato con clorofilla agli spinaci, fagiolini verdi, uovo di quaglia e polvere di olive nere con crema di colatura di alici. Tortelli ripieni di parmigiana di melanzane, burrata e melenzane fritte con pomodorini confit. Maialino da latte cotto a bassa temperatura arrostito e servito con la pastinaka, crema di albicocche e fondo aromotizzato di caffè. Nella nostra copertina Roccia di cavolo e patè di fegatini.

http://www.cristallo.it/