Viaggi del Gusto Magazine

VdG Magazine – i Viaggi del gusto, è un magazine online di approfondimento sul mondo dell’enogastronomia, del turismo, della ristorazione e del Made in Italy nella sua accezione più ampia.

Menù

Ultimi articoli

Sicilia, un autunno di “gusto”

Shares

Se con l’arrivo di settembre l’estate può dirsi andata in archivio, ciò non vale certo per gli eventi specie quelli a tema food. Complice la piacevolezza del clima d’autunno che in molti posti ancora consente di stare all’aperto, come ad esempio accade in Sicilia. Ecco allora alcuni eventi da non perdere.

Barocco & Neobarocco

Se amate l’arte, la cultura ed il buon cibo da segnare in agenda Barocco & Neobarocco, l’edizione zero del design festival che si terrà dal 24 al 26 settembre prossimi a Ragusa, ideato da Roberto Semprini, che ne è anche il direttore artistico, e curato da Valentina Fisichella. Conferenze, installazioni di designer, artisti, stilisti animeranno la tre giorni in un percorso culturale che si muoverà da Palazzo Cosentini a Palazzo La Rocca, dal Teatro Donnafugata ai Giardini Iblei.

Palazzo Cosentini – Installazioni wallpaper di Semprini per Zambaiti

Autunno con cene barocche

Previste anche le cene barocche come quella di gala, in programma venerdì 24, a Il Baglio a Ragusa con un menu ideato dallo chef Claudio Ruta che per l’occasione ha tratto ispirazione dagli antichi ricettari degli Iblei: dal coniglio “cunzato” alla menta e affumicato con caponata della baronessa e cladodi di fico d’india all’immancabile Gallina Ragusana rivisitata dalla creatività dello chef. Piatti che saranno abbinati ai vini delle cantine Poggio di Bortolone e Feudo Ramaddini.

Coniglio “cunzato” alla menta

Etna: Est, Est, Est, Est

Per gli amanti del vino tre serate dedicate alle cantine del versante orientale del Vulcano con la manifestazione “Etna: Est, Est, Est, Est”. Alla scoperta di uve, terroir e racconti inediti, per conoscere meglio i volti e i vini delle cantine protagoniste.  Venerdì 1° ottobre l’appuntamento è per le ore 20.00 presso l’Azienda Barone di Villagrande per una cena dove il resident chef Vittorio Caruso preparerà dei piatti che incontreranno l’Etna Rosso DOC San Nicolò Magnum di Ciro Biondi, l’Etna Bianco Superiore Contrada Villagrande del padrone di casa, l’Etna Rosso DOC Petto Dragone di Vini Gambino e l’Extra Brut di Murgo.

Autunno siciliano con percorso gastronomico

E sempre nell’ambito di “Etna: Est, Est, Est, Est”, si proseguirà venerdì sera, 15 ottobre, nella panoramica terrazza di Gambino Vini con un percorso gastronomico d’autunno dove si potranno degustare l’Etna Rosso DOC Cisterna Fuori di Ciro Biondi, l’Etna Rosso DOC Contrada Villagrande, il Tifeo Etna Bianco DOC di Vini Gambino e l’Etna Rosso DOC Tenuta S. Michele di Murgo.

Letto questo?  L'Oltrepò si racconta a Pavia con degustazioni, wine experience e food corners

Infine, venerdì 29 ottobre (ore 20.00) una cena dedicata nella splendida location di Murgo. A conclusione del viaggio saranno proposti in degustazione i vini Chianta Etna Bianco DOC di Palmento Biondi, l’Etna Bianco DOC di Barone di Villagrande, il Tifeo Rosato di Vini Gambino ed il Murgo Exra Brut.

Etna: Est, Est, Est, Est

 

Bio in Sicily

Dal 1 al 3 ottobre, Bagheria ospiterà la seconda edizione Bio in Sicily, una tre giorni d’autunno dedicata all’agricoltura, alla pesca mediterranea e al turismo sostenibile, promossa dall’associazione “La Piana d’Oro” insieme al Gal Metropoli Est, alla Condotta Slow Food di Bagheria e al sostegno di APO Sicilia. La prima giornata vedrà l’apertura della manifestazione con il II Forum Regionale sull’Agrumicoltura Siciliana, nella seconda giornata si confronteranno gli attori principali del comparto ittico nel I Forum Regionale sulla Pesca Mediterranea, nel talk sul prodotto ittico allevato e nel tavolo tecnico sui Borghi Marinari. Infine, la terza giornata si chiuderà con il II Forum Regionale del Turismo Sostenibile e la consegna del Premio Bio in Sicily 2021 alle aziende che si sono distinte nel settore del biologico e della sostenibilità.

La partecipazione sarà garantita solo su invito o inviando la richiesta all’email bioinsicily@gmail.com con la specifica del convegno a cui si intende partecipare, previa conferma.

Camporeale Days

Venerdì 1, sabato 2 e domenica 3 ottobre, all’interno del Baglio e del Palazzo del Principe, a Camporeale, in provincia di Palermo, avrà luogo la settima edizione del Camporeale Days, la manifestazione che valorizza e promuove le risorse enogastronomiche, artistiche, artigianali e turistiche dell’Alto Belice, organizzata dall’Associazione Turistica Pro Loco Camporeale con il patrocinio del Comune di Camporeale.

Non solo prodotti tipici d’autunno

Durante la kermesse, si potrà accedere (esibendo il Green Pass) al villaggio espositivo e si potranno degustare e acquistare i prodotti; sarà possibile visitare anche alcune cantine del territorio. Come sempre, la manifestazione sarà scandita da un calendario di masterclass sul vino e workshop sulle specialità agroalimentari del territorio, con alcuni cooking show e convegni dedicati al tema della nuova edizione: “i grani antichi”. In programma anche una mostra di moto e auto d’epoca, spettacoli di intrattenimento artistico e teatrale, che si svolgeranno in alcune luoghi della città, all’aperto e poco distanti tra loro.

Sicilia in Bolle

Un brindisi d’autunno, infine, alla Sicilia con Sicilia in Bolle, l’evento sulle bollicine organizzato dalla delegazione AIS di Agrigento. Dal 9 all’11 ottobre degustazioni, convegni, masterclass: produttori ed appassionati di vini spumanti e frizzanti siciliani si potranno dare appuntamento sulla bianca scogliera della Scala dei Turchi per uno degli eventi d’autunno più attesi dai winelovers.

Gianna Bozzali

Siciliana, originaria di Vittoria. Una laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari e tante esperienze maturate nel mondo della comunicazione enogastronomica, sia in Tv sia grazie alla collaborazione con testate giornalistiche di settore. Giornalista e critico gastronomico, amo narrare le storie più semplici ma al tempo stesso le più vere ed emozionanti, come quelle dei casari, dei contadini e dei pescatori perché anche il più piccolo produttore ha un racconto di vita che merita di essere “ascoltato”.

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top