Viaggi del Gusto Magazine

VdG Magazine – i Viaggi del gusto, è un magazine online di approfondimento sul mondo dell’enogastronomia, del turismo, della ristorazione e del Made in Italy nella sua accezione più ampia.

Menù

Ultimi articoli

Dolce mestiere

2 Dicembre, 2021

Isola del Giglio, come scoprirla tra borghi e sentieri

Shares

L’Isola del Giglio è rinomata per le spiagge e il mare cristallino, ciò nonostante, può offrire molto altro anche ai visitatori che non prediligono solo il mare come unica alternativa al proprio svago.

L’Isola del Giglio, tutta da scoprire

I vari itinerari e villaggi sul mare presenti al Giglio offrono l’opportunità a chi li percorre di immergersi nella natura e ammirare panorami mozzafiato. La natura incontaminata della tipica macchia mediterranea impreziosisce il cuore dell’isola, offrendo agli appassionati di trekking una vasta scelta di itinerari da seguire a piedi tra montagne a picco sul mare, boschi e splendide calette. Ogni itinerario ha una peculiarità diversa e alterna strade asfaltate a vecchie mulattiere. Per le sue dimensioni l’isola permette di essere visitata completamente a piedi, grazie ai diversi sentieri che collegano borghi e spiagge. Abbiamo scelto i più suggestivi da visitare e percorrere, per godere a pieno delle meraviglie presenti sull’isola toscana.

Cala dell’Allume

La caletta dell’Allume si può raggiungere in appena mezz’ora di cammino, partendo da Campese. Il sentiero da percorrere è piuttosto ripido e impervio, ma lo spettacolo che regalano le acque di questa baia e la natura che lo circonda valgono certamente l’impresa. Si possono seguire, infatti, due itinerari, uno prettamente paesaggistico e l’altro archeologico dedicato a Cote Ciombella.

Il Faraglione

Di tutti gli itinerari percorribili lungo la costa del Giglio, quello che conduce al Faraglione è il più battuto.
Punta Faraglione, infatti, offre una vista mozzafiato sulla scogliera ed è raggiungibile in un’ora di passeggiata dalla spiaggia di Campese. Oltre tutto, lungo il percorso, per i più avventurosi ed esperti, si possono visitare due baie molto intime, come cala Pozzarelli e cala Pertuso.

Cannelle-Caldane

C’è un sentiero che collega le due spiagge più famose e frequentate dell’isola, Cannelle e Caldane.
Si può partire dal Porto per seguire la strada asfaltata, prima di arrivare a queste due insenature molto affollate durante il periodo estivo. Anche in questo caso il paesaggio ripaga della fatica e il sentiero è percorribile anche dai meno esperti.

Giglio Campese

Abbiamo già nominato il borgo di Campese, dove si parte per molti percorsi lungo le coste del Giglio e dove è presente anche una delle spiagge più famose. È probabilmente il luogo perfetto per chi pratica surf, poiché il mare è spesso agitato dai venti che spirano da sud.

Giannutri

Giannutri è un’isoletta a sé stante, che rientra nel comune dell’Isola del Giglio, ma è raggiungibile in traghetto, in pochi minuti.
Rientra nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano ed è caratterizzata da paesaggi che vale la pena visitare, grazie alla sua costa rocciosa e frastagliata.

Giglio Castello

Questa piccola frazione dell’isola rientra nei Borghi più belli d’Italia per le sue caratteristiche architettoniche e storiche.
Girando del dedalo di stradine, oltre a locali tipici e tipiche botteghe si può ammirare anche la Chiesa di San Pietro, che conserva l’ulna di San Mamiliano.

Giglio Porto

Questo borgo ospita l’attracco per i traghetti che trasportano i turisti in visita all’isola. È molto caratteristico e si affaccia su acque cristalline. Quello che colpisce di più il viaggiatore sono senz’altro le case molto colorate che circondano anche la Torre del Saraceno.

Redazione Viaggi del Gusto

La redazione di VdgMagazine è composta da appassionati e professionisti del Viaggio e del Gusto. Si avvale di collaboratori dalle molteplici competenze professionali. Tutti accomunati dalla passione per il racconto.

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top