Viaggi del Gusto Magazine

VdG Magazine – i Viaggi del gusto, è un magazine online di approfondimento sul mondo dell’enogastronomia, del turismo, della ristorazione e del Made in Italy nella sua accezione più ampia.

Menù

Ultimi articoli

La frascatola

6 Dicembre, 2023

Sappada in Val Sesis, famosa meta di turismo estivo

Shares

I viaggiatori lo sanno: è probabile che al Friuli Venezia Giulia spetti il primato della più alta densità di culture per chilometro quadrato. A chi passeggia in vista di piazza Unità d’Italia a Trieste potrebbe essere rivolta una richiesta in sloveno, premessa all’eclettismo del palazzo municipale dalle influenze austro-ungariche, d’ispirazione parigina e con reminiscenze veneziane. A meno di due ore e mezza d’automobile la profusione di legno nell’architettura montana e le scritte in antico bavarese di Sappada riportano il pensiero del visitatore al versante settentrionale delle Alpi. I confini dell’intera regione sono in verità un alternarsi di isole dove la cultura germanica e slava di secoli fa si è cristallizzata nei toponimi, nelle abitudini e nel cibo.

Prima tappa a Sappada

Chi vuole sapere tutto sullo stile di vita dell’antica Plodn (Sappada) trova a Borgata Cretta casa Puicher s’Kottlars, una tipica costruzione in legno con attrezzi agricoli, stalla e fienile. Grazie a una breve passeggiata, attraversando il fiume Piave, si può completare questo viaggio nel passato al Museo Giuseppe Fontana di Cima Sappada dove i pannelli raccontano le origini della comunità slavogermanica insediatasi qui alla ricerca di pascoli e per sviluppare attività estrattive con ogni probabilità a partire dall’VIII secolo.

In esposizione si trovano anche le maschere del celebre carnevale, con l’austera figura del Rollate. Nella bottega di Fabrizio Puicher Soravia in borgata Fontana, tra sgorbi e seghe, è possibile assistere alla loro lavorazione, di solito “in legno di ontano, che è malleabile al punto giusto”.

Escursioni e gastronomia

Sappada è però il paradiso delle escursioni estive. Si può scegliere tra quelle più facili che portano a Passo Digola tra abetaie e ripide pareti a quelle più impegnative come la salita al Passo dei Cacciatori in vista di ghiaioni e panorami indimenticabili. Una passeggiata ben meno difficoltosa è quella organizzata l’8 e il 9 luglio, Sappada Gustosa, che si snoda in quota lungo il sentiero numero 5 apparecchiando gazebo di aziende agricole e negozi per far conoscere la gastronomia sappadina mentre dall’1 al 9 luglio sono i ristoranti e i rifugi a presentare i menu che nell’edizione 2023 ha al centro dell’attenzione la Saurnschotte, la ricotta acida insaporita di dragoncello. Da provare i Gepitschta Kròpfn, tortelloni di pasta di patate ripieni di Saurnschotte e conditi con burro fuso e ricotta affumicata.

i Gepitschta Kròpfn ripieni di Saurnshotte (Baita Pista Nera)

Dormire e prodotti tipici

La sera, il luogo ideale dove trovare riposo è al B&B Borgo Antico, un maso di 5 camere, ciascuna arredata con un’essenza diversa, da poco ristrutturato.

Prima di ripartire farete bottino presso La Bottega di Sappada, dove “si trovano tutti i prodotti di Sappada e dintorni” spiega il proprietario Massimo Casciaro. In verità una bomboniera che visita chi è in vena di acquisti golosi come formaggi di malga, infusi, salumi.

Riccardo Lagorio

Con la valigia in mano e la penna nell’altra, scrive di cucina, borghi e prodotti tipici da prima che diventassero un fatto di moda. Per questo non riesce a frenare la passione per la sobrietà di un tempo. Ama le cose che tocca. E questa è la ragione che gli fa mettere nero su bianco solo ciò che ha visto e ha provato. Forse démodé, ma pur sempre sinonimo di garanzia.

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top