Viaggi del Gusto Magazine

VdG Magazine – i Viaggi del gusto, è un magazine online di approfondimento sul mondo dell’enogastronomia, del turismo, della ristorazione e del Made in Italy nella sua accezione più ampia.

Menù

Ultimi articoli

I fiori nel piatto: panini ai fiori di Rosmarino

Shares

Con i fiori di Rosmarino, una facile variante del pane all’olio impreziosita dal sapore e dal profumo di questa generosa erba aromatica. In questi giorni nei supermercati l’acquisto della farina è di gran lunga quello preferito dagli italiani e gli scaffali vuoti testimoniano della passione a fare in casa alimenti come il pane, la pasta e le torte.

Non è una novità perché questa riscoperta del piacere del pane e paste fatta in casa era già in atto da tempo e rispondeva ad una maggiore attenzione salutistica, anche se limitata principalmente ai fine settimana. Ora la grande disponibilità di tempo in conseguenza dell’obbligo di restare a casa ha dato vita ad un ulteriore impulso in questa direzione. Una proposta semplice, ma nello stesso tempo molto sfiziosa per rendere più ricco il cestino del pane.

Il rosmarino è una delle piante aromatiche più utilizzate in cucina

Riduce l’uso del sale e migliora la digestione dei cibi più pesanti, come ad esempio la porchetta che è d’obbligo aromatizzare con questa erba.

Anche se l’uso gastronomico del rosmarino è prevalente su quello curativo è utile ricordare che questa erba aromatica presenta numerose proprietà terapeutiche che possono esserci utili per risolvere i piccoli problemi di tutti i giorni: è uno stimolante e antinevralgico; ha proprietà antisettiche ed agisce positivamente sull’apparato digerente.

In questa stagione si presenta particolarmente profumato e bello grazie ai suoi fiori che sono di un intenso color lilla. Per gustarne il profumo e il sapore ecco la ricetta, che vi permetterà di portare la primavera in tavola.

Letto questo?  Gnocchi di patate al pesto ai fiori di nasturzio e pistacchi

Panini ai fiori di Rosmarino

Gli ingredienti: 500 gr di farina tipo 0, 20 gr di lievito di birra, 15 gr di zucchero, 10 gr di sale, 2,75 dl di acqua, 10 gr di miele, 50 gr di olio di oliva, fiori di rosmarino un cucchiaino da te, 1 rametto di rosmarino.

La preparazione

In una terrina stemperiamo il lievito con l’acqua, lo zucchero e 130 gr di farina. Copriamo con la pellicola e lo facciamo lievitare per 25 minuti. In un’altra terrina impastiamo la restante farina con il sale il miele e l’olio che avremo precedentemente emulsionato con i fiori e le foglie del rametto di rosmarino.

Dopo 25minuti l’impasto con il lievito detto biga inizierà a creare delle bolle di anidride carbonica segno della lievitazione in atto. Uniamo i due impasti e lavoriamo il tutto vigorosamente fino a renderlo liscio ed omogeneo.Conserviamo in luogo tiepido e coperto con la pellicola fino a quando non raggiungerà il doppio del volume.

A questo punto confezioniamo i nostri panini disponendoli su una teglia da forno unta di olio; dopo 20 minuti li spennelliamo con rosso d’ uovo e l’inforniamo a 180 gradi per circa15 minuti. Per apprezzare meglio la fragranza del pane con il profumo dei fiori potete servirlo con una toma di alpeggio ed un cucchiaio.

Potete divertirvi realizzando i panini con forme diverse e utilizzando anche erbe aromatiche diverse come ad esempio la salvia o il timo o se preferite sostituendo alle erbe i semi di sesamo o papavero.

Grazie alla disponibilità dello chef Gianfranco Calidonna, la ricetta I panini ai fiori di Rosmarino è tratta dal suo libro Edizioni Zem I fiori nel piatto.

Claudio Porchia

Giornalista, scrive su riviste e quotidiani e cura rubriche gastronomiche su diverse testate online. Promuove eventi culturali ed è direttore del premio letterario “Libri da Gustare”. Ha realizzato ricerche e prodotto documentari ed ha scritto diversi libri, fra cui uno dedicato alla storia del Festival della Canzone di Sanremo. Ha curato le ultime pubblicazioni di Libereso Guglielmi, conosciuto come il Giardiniere di Calvino. Presidente dell’Associazione Ristoranti della Tavolozza, riferimento importante per chi vuole scoprire la cucina regionale autentica, dove tradizione e accoglienza sono insieme protagoniste. Pubblica una guida dei migliori ristoranti del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta.

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Top