Viaggi del Gusto Magazine

VdG Magazine – i Viaggi del gusto, è un magazine online di approfondimento sul mondo dell’enogastronomia, del turismo, della ristorazione e del Made in Italy nella sua accezione più ampia.

Menù

Ultimi articoli

Sua Maestà il pomodoro

12 Luglio, 2020

“Amo la Sicilia e la pasta alla Norma”. Il viaggio del gusto di Miss Italia 2019 Carolina Stramare

Shares

E’ lombarda di Vigevano ma ha nonni paterni veneti – precisamente di Valdobbiadene, la zona del Prosecco – la nuova Miss Italia 2019, Carolina Stramare. “Dopo la proclamazione, i nonni mi hanno telefonato congratulandosi” – ha dichiarato in conferenza stampa al Pala Invent di Jesolo Lido, all’indomani della vittoria, rispondendo alle domande dei cronisti.

Miss Italia 2019 Carolina Stramare

“Non era nelle mie aspettative vincere – ha dichiarato la ventenne Miss – ma spero di svolgere questo compito al meglio, quest’anno. Fino a poco tempo fa, il mio obiettivo era di esprimermi professionalmente nel mondo del design, seguire il lavoro di papà, che fa l’architetto. Ma con l’inizio delle selezioni per il concorso, ho maturato l’idea anche di lavorare in questo contesto che mi ha accolto con Miss Italia”.

Alla domanda di Viaggi del Gusto di quale sia il suo viaggio del gusto preferito, luogo dell’anima per una vacanza e piatto più amato, Carolina Stramare ha risposto:

“Mi piace viaggiare e adoro l’Italia, in particolare le isole e soprattutto la Sicilia. Il mio piatto preferito?  Non dico il risotto alla milanese, perché sarei di parte, ma optando sempre per i carboidrati scelgo senz’altro le mezzemaniche alla Norma”.

Matura, equilibrata e gentile – oltre che armoniosamente stupenda – Carolina Stramare, assieme alla fascia di più bella d’Italia, esibisce anche i suoi tatuaggi. “Ne ho 11 in totale e non penso rappresentino un limite, in televisione. Il primo che ho fatto è stato tatuarmi l’anno di nascita di mio papà; l’ultimo, il nome di mia mamma sul polso”.

Orfana di mamma da un anno, Carolina racconta la sua esperienza con Miss Italia: “Ho avuto la conferma di quanto trasparente e pulito sia questo concorso – ha detto al tavolo dei relatori, a fianco dell’organizzatrice, Patrizia Mirigliani. “Anche solo per gli spostamenti minimi, eravamo costantemente seguite dalla sicurezza, con i body guard accanto anche quanto telefonavamo ai nostri cari”.

Miss Italia 2019 Carolina Stramare

Nell’illustrare i dati di audience televisivo di venerdì sera 6 settembre 2019 con 2.679.000 telespettatori davanti allo schermo – precisando che è risultato il secondo programma della stagione primavera estate più visto, dopo a Ballando con le stelle condotto da Milly Carlucci – e  che Jesolo è confermata come location anche per la prossima edizione 2020, Patrizia Mirigliani ha sottolineato come dal 1990 non fosse eletta una Miss lombarda.

Miss Italia 2019 Carolina Stramare

“E’ un titolo onorifico e noi pensiamo abbia un valore – ha sottolineato Patrizia Mirigliani. Non vince solo la prima classificata, ma anche le altre, con opportunità di lavoro.

Letto questo?  Musica in quota sulle vette dell'alto Piemonte: il jazz di Paolo Fresu

Dietro ognuna di loro c’è sacrificio, impegno, resilienza. Miss Italia rappresenta una finestra sul mondo delle opportunità”.

Germana Cabrelle

Scrivo per professione dal 1982 e collaboro regolarmente con quotidiani e riviste cartacee e online a tiratura nazionale. Mi occupo di turismo e destinazioni, architettura d’interni e life style, attualità, economia, food&wine. Giornalista professionista, in aggiunta alla mia formazione, agli inizi degli anni Duemila ho conseguito il diploma di scuola alberghiera all’Ippssar Maffioli di Castelfranco Veneto (Treviso) per trattare con cognizione e da esperta il settore della ristorazione e dell’hotellerie, che è un affascinante mondo nel mondo. Amo fotografare con colpo d’occhio e sguardo interiore. Sono stata insignita di menzione speciale “Premio Penna d’Oca 2017” indetto da Assostampa Padova e dall’Ordine del Giornalisti del Veneto. Ho ideato slogan e claim per campagne pubblicitarie e loghi per onlus di cui sono fondatore. In un impeto di ironia creativa e di passione tentacolare per il Mare Nostrum, nel 2008 ho creato il taccuino d’appunti squisitamente veneto, Moskardin, che è diventato un brand e un marchio registrato. Per coniugare sapere e sapori, calamaro e calamaio.

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Top