Viaggi del Gusto Magazine

VdG Magazine – i Viaggi del gusto, è un magazine online di approfondimento sul mondo dell’enogastronomia, del turismo, della ristorazione e del Made in Italy nella sua accezione più ampia.

Menù

Ultimi articoli

Tutti in bianco al museo per la visita e la cena al buio tra le sculture di Canova

Shares

 

Il dress code consigliato è un total white, per essere in sintonia con il nome dell’evento di beneficienza organizzato dal Museo Canova di Possagno (Treviso) che si chiama, per l’appunto, White Christmas e si svolgerà in orario notturno in prossimità delle feste di fine anno.

In vicinanza del Natale e sulla falsariga di quanto ideato e promosso con successo l’anno scorso, il Museo Canova ripropone una visita guidata all’interno della Gypsotheca che racchiude le opere in gesso del grande scultore Antonio Canova: saloni illuminati dalla sola luce di lanterne, che culminerà con una cena al buio e un intrattenimento musicale condotto dalla voce di Esther Oluloro.

Lo speciale evento è in calendario per sabato 14 dicembre 2019, a partire dalle ore 19.30 con un aperitivo di benvenuto, cui seguirà una cena a base di prodotti locali e di stagione. Al termine del banchetto conviviale, intorno alle ore 21.30, sarà possibile accedere alla Gypsotheca al lume di candela, per osservare da vicino i calchi dei suoi più famosi capolavori presenti nei più grandi musei del mondo.

Opera presente nel Museo Antonio Canova di Possagno (Treviso)

Opera presente nel Museo Antonio Canova di Possagno (Treviso)

Al termine del giro e in chiusura dell’evento, in giardino sarà allestito un corner di mescita di bollicine, per un brindisi collettivo fra tutti gli intervenuti. E lo scambio degli auguri.

Come partecipare al museo senza barriere

La partecipazione alla serata è a ingresso limitato e il costo del biglietto è di 180 euro a persona.  Le prenotazioni si ricevono sul sito poiché il ricavato economico andrà devoluto a favore della campagna “Un museo senza barriere: porte aperte. Occhi aperti. Mente aperta” che ha l’obiettivo di rendere il Museo più accessibile, creando un percorso di visita per non vedenti.

Letto questo?  In Trentino la felicità è nei dintorni. E parla sottovoce

Proprio in virtù di questa nobile causa l’organizzazione del Museo Canova propone la cena al buio: per riflettere tutti insieme e sensibilizzare quante più persone possibile su questa importante e delicata tematica, al fine di avvicinarsi con un approccio diverso e più consapevole alla degustazione del cibo e alla visita del Museo.

Germana Cabrelle

Scrivo per professione dal 1982 e collaboro regolarmente con quotidiani e riviste cartacee e online a tiratura nazionale. Mi occupo di turismo e destinazioni, architettura d’interni e life style, attualità, economia, food&wine. Giornalista professionista, in aggiunta alla mia formazione, agli inizi degli anni Duemila ho conseguito il diploma di scuola alberghiera all’Ippssar Maffioli di Castelfranco Veneto (Treviso) per trattare con cognizione e da esperta il settore della ristorazione e dell’hotellerie, che è un affascinante mondo nel mondo. Amo fotografare con colpo d’occhio e sguardo interiore. Sono stata insignita di menzione speciale “Premio Penna d’Oca 2017” indetto da Assostampa Padova e dall’Ordine del Giornalisti del Veneto. Ho ideato slogan e claim per campagne pubblicitarie e loghi per onlus di cui sono fondatore. In un impeto di ironia creativa e di passione tentacolare per il Mare Nostrum, nel 2008 ho creato il taccuino d’appunti squisitamente veneto, Moskardin, che è diventato un brand e un marchio registrato. Per coniugare sapere e sapori, calamaro e calamaio.

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Top