Viaggi del Gusto Magazine

VdG Magazine – i Viaggi del gusto, è un magazine online di approfondimento sul mondo dell’enogastronomia, del turismo, della ristorazione e del Made in Italy nella sua accezione più ampia.

Menù

Ultimi articoli

Benvenuti nel pianeta terra

26 Settembre, 2020

Vini e vigne, i record dell’Alto Adige

Shares

Cosa hanno in comune  la vigna più antica d’Europa e colei che è famosa per essere stata la più giovane sommelier donna d’Italia? La risposta è: l’Alto Adige, o Sud Tirolo, che dir si voglia.

La vite Versoaln (foto di René Gamper)

In questa regione, infatti, precisamente nel paesino di Prissiano, fra Merano e Bolzano, si trova la  vigna che conta un’età di quasi 600 anni: sostenuta da puntelli in ausilio alla sua vetustà. Mentre  a Lagundo vive Doris Moser: chioma rossa e occhi azzurrissimi per quella che è considerata lo scibile umano in fatto di vini. E una delle primissime donna in Italia ad avere al collo un tastevin.

La vite di Prissiano

Documentata per la prima volta nel 1244 da Henricus de Cazenzung – si estende, con il suo pergolato, su una superficie di circa 350 m² e in buone annate fornisce fino a 700 kg di uva. E’ un vitigno autoctono di varietà Versoaln che tradotto dalla lingua tedesca significa “discesa a corda”, termine che si riferisce, quasi sicuramente, alla tipologia di raccolta dell’uva, che avviene lungo i pendii. Il vino che se ne ricava ha, alla vista, un viraggio verde, al naso è fruttato, e in bocca si apre finemente strutturato e con leggera acidità.

La vite Versoaln (foto di René Gamper)

La vite Versoaln (foto di René Gamper)

La vite Versoaln cresce a Prissiano. La regione turistica Tesimo-Prissiano si trova su una delle più belle terrazze panoramiche dell’Alto Adige, la mezza montagna di Tesimo fra Merano e Bolzano. È immersa tra boschi, castagneti e frutteti e comprende le graziose località di Tesimo, Prissiano, Grissiano, Narano, Caprile, Plazzoles e Schernag. Vicoli stretti, sei castelli e fortezze, più di dodici chiese e cappelle, residenze pittoresche e antichi masi rendono il paesaggio suggestivo.

Copyright_Rene Gamper_Associzione turistica Tesimo-Prissiano_

Copyright_Rene Gamper_Associzione turistica Tesimo-Prissiano_

Alto Adige: oltre 20 vitigni diversi

In Alto Adige, dove il clima mediterraneo fa sentire i suoi benefici effetti, oggi la viticoltura viene praticata sui terreni più diversi, con differenti esposizioni e altitudini comprese tra 200 e 1000 metri s.l.m. Su quasi 5500 ettari vengono coltivati oltre 20 vitigni diversi, tra i quali gli autoctoni Schiava e Lagrein.

Letto questo?  Benvenuti nel pianeta terra

Doris Moser, Donna del Vino

A Lagundo, invece, Doris Moser è titolare del Maratscher hotel. Il suo olfatto e palato per  il vino la rendono una wine hunter autorevole e di tutto rispetto, ricercata dal mondo enologico per la professionalità nel campo e per le sue innate doti. Collabora strettamente con il Merano Wine Festival, la rassegna del settore che si svolge a novembre di ogni anno, tant’è che le selezioni dei vini partecipanti avvengono anche all’interno del suo albergo.

Una struttura ricettiva di una dozzina di camere che si fregia del titolo di Kultur e Design hotel, in considerazione del fatto che sono presenti, come arredi e complementi, delle autentiche icone contemporanee di nomi prestigiosi fra architetti e designer internazionali.

Maratscher hotel (foto di Germana Cabrelle)

Nel piccolo albergo di Doris si riceve una ospitalità calda e familiare, raffinata e curata fin nei minimi dettagli. Un’accoglienza alla reception sempre con la presenza fiori deliziosi, rose in primis, oppure, su richiesta una coppa di champagne da degustare in tutto il suo perlage sulla spettacolare terrazza panoramica o nel lussureggiante giardino.

foto di Germana Cabrelle

Le camere del Maratscher sono decorate una diversa dall’altra da artisti del posto, con dipinti ad acquarello e poesie di Rilke che corrono lungo pareti e soffitto. Si aprono e chiudono con chiavi d’argento incise a mano  e souvenir a scelta, fra tipicità regionali e originali taccuini, sono disponibili da acquistare se si vuole portare a casa un ricordo di questa esperienza.

La prima colazione del Maratscher è degna di nota e merita un plauso perché è forse fra le migliori di tutto il territorio di Merano, per l’alta qualità dei prodotti presenti sul desco.

Prima colazione al Maratscher (foto di Germana Cabrelle)

Ottimo muesli croccante passato al forno da Doris stessa, yogurt cremosi anche in versione light, formaggi presidio Slow Food e appetitosi salumi, pane di varia tipologia, the a scelta fra le migliori essenze di alta gamma, acque detossinanti miscelate al momento e dolci fatti in casa.

foto di Germana Cabrelle

Un tripudio di sapori e colori che si fondono con l’incantevole vista sull’intera conca di Merano.

foto di Germana Cabrelle

Germana Cabrelle

Scrivo per professione dal 1982 e collaboro regolarmente con quotidiani e riviste cartacee e online a tiratura nazionale. Mi occupo di turismo e destinazioni, architettura d’interni e life style, attualità, economia, food&wine. Giornalista professionista, in aggiunta alla mia formazione, agli inizi degli anni Duemila ho conseguito il diploma di scuola alberghiera all’Ippssar Maffioli di Castelfranco Veneto (Treviso) per trattare con cognizione e da esperta il settore della ristorazione e dell’hotellerie, che è un affascinante mondo nel mondo. Amo fotografare con colpo d’occhio e sguardo interiore. Sono stata insignita di menzione speciale “Premio Penna d’Oca 2017” indetto da Assostampa Padova e dall’Ordine del Giornalisti del Veneto. Ho ideato slogan e claim per campagne pubblicitarie e loghi per onlus di cui sono fondatore. In un impeto di ironia creativa e di passione tentacolare per il Mare Nostrum, nel 2008 ho creato il taccuino d’appunti squisitamente veneto, Moskardin, che è diventato un brand e un marchio registrato. Per coniugare sapere e sapori, calamaro e calamaio.

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Top