Viaggi del Gusto Magazine

VdG Magazine – i Viaggi del gusto, è un magazine online di approfondimento sul mondo dell’enogastronomia, del turismo, della ristorazione e del Made in Italy nella sua accezione più ampia.

Menù

Ultimi articoli

Passaggio in Irpinia

3 Luglio, 2021

Puglia senza tempo

2 Febbraio, 2021

In “Cinque donne e un arancino” di Catena Fiorello il profumo di cose buone

Shares

Catena Fiorello, in questo suo ultimo romanzo, Cinque donne e un arancino, mostra come sempre la sua versatilità. Un’anima che corre veloce sui territori della mente, li scompone e li ricompone ricucendo colori, odori, paesaggi della sua Sicilia. Le sue storie, da Picciridda a L’amore a due passi e fino a Un amore fra le stelle, riescono a dare messaggi chiari sull’amore, sul destino, sulle radici della terra e sui legami.

La copertina del romanza di Catena Fiorello

Chiusa tra nostalgia e modernità, Catena riesce a far stare il lettore immerso nelle vicende della sua narrazione appassionata. Sono le donne a ricevere l’omaggio della sua scrittura, protagoniste di storie quasi leggendarie, di rinascita, di libertà, ma anche di sofferenza che diventa occasione di cambiamento. I suoi romanzi non sono rivendicazioni di ruolo, una sorta di tardo femminismo, c’è tuttavia il conflitto e l’amore di coppia, la finzione e il tradimento, ma anche il rispetto per le figure fragili, dove il trionfo del destino, se lo si sa cogliere, ti renderà migliore.

In questo romanzo, Cinque donne e un arancino, Catena riesce quasi a farti sentire l’odore della frittura, è l’olfatto che si allarga sulla memoria dell’impasto del riso; vera magia saperlo far stare compattato, con il ragù e i piselli, il profumo di burro e pepe, e gli spinaci con la mozzarella filante. Gli arancini nel romanzo diventano business, vi si narra la difficoltà di trasformarli in impresa, la meravigliosa fiaba che dal nulla costruisci un impero. Miracolo dopo miracolo, il romanzo riesce a cucirti dentro tutti quei ricami psicologici fatti di volontà, abnegazione, caparbietà.

Catena Fiorello

Il linguaggio delle cinque donne si trasforma in veri e propri decaloghi della speranza, della creatività dello stupore per la vita. Leggi veloce e quando chiudi il libro vorresti correre in cucina a cercare di ripercorrere le tappe dell’emozione che l’arancino rappresenta. Perché assemblare un arancino è una metafora: per vivere in armonia devi far coesistere realtà con i sogni.

Vera Slepoj

E' laureata in psicologia ed è Presidente della Federazione italiana psicologi. Ha scritto molti libri e curato rubriche a tema nelle riviste Io Donna - Corriere della Sera, sui settimanali Oggi, Gioia, Diva e Donna. Ha ideato il primo premio letterario sui libri di ricette e cucina Il Premio Iolanda. Per Viaggi del Gusto cura la rubrica “Libri nel piatto”.

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top