Viaggi del Gusto Magazine

VdG Magazine – i Viaggi del gusto, è un magazine online di approfondimento sul mondo dell’enogastronomia, del turismo, della ristorazione e del Made in Italy nella sua accezione più ampia.

Menù

Ultimi articoli

Chiese a cielo aperto

Shares

Archi grezzi e trifore senza vetrate. San Galgano in Toscana, Lo Spasimo in Sicilia, Sant’Eustachio e l’incompiuta in Veneto: chiese e complessi religiosi senza tetto che riempiono gli occhi con il loro vuoto.

Le chiese senza tetto

Forse il loro destino era proprio quello di avere il cielo più vicino, perfino dentro, e non solamente nell’invocazione mistica. Evidentemente, la loro attitudine e sorte era diventare osmosi col tutto: archi grezzi, trifore prive di vetrate, rosoni e oculi senza ricami. Solo un dialogo incessante tra manufatto e natura, senza altri fronzoli se non l’essenziale: il sole che arriva integro e diretto non mediato da filtri, la pioggia che penetra come lavacro, le nuvole spinte dal vento a corredo decorativo.
 Ferme in un tempo assorto, le chiese scoperchiate esercitano un fascino particolare per questo loro insolito e potente contatto energetico con l’Alto. In Italia ve ne sono di famose, al Nord come al Sud. E tutte, coi loro vuoti, riempiono gli occhi di meraviglia.

L’Abbazia di San Galgano

Il borgo di Chiusdino, in provincia di Siena, ha il fascino delle cittadine toscane puntellate di cipressi e olivi. L’abbazia di San Galgano, in tutto il suo gotico svettante, sorge maestosa nel verde. Settant’anni ci impiegarono i monaci cistercensi francesi di Cîteaux (un monastero in Borgogna) a erigerla, tra il 1218 e il 1288. La vollero vicina al fiume Merse e collegata alla strada Maremmana, tutto intorno terreni da coltivare. Quattro secoli dopo, nel 1786, il campanile crollò su gran parte della copertura, lasciando l’abbazia senza tetto. Imponente nelle sue luci e ombre, San Galgano è una costruzione che sembra appartenere a una dimensione fantastica. Non a caso è diventata set di film epici e palcoscenico di opere musicali. Poco lontano dall’abbazia, nell’Eremo di Montesiepi, fa capolino un sasso con dentro una spada. San Galgano Guidotti, prima della conversione, era un cavaliere dedito a battaglie e duelli, e infisse la lama dell’arma nella roccia mutandone significato e funzione in una croce.

San Galgano – Foto © Nicoletta Diamanti

L’incompiuta di Brendola

Diversa storia, e più recente epoca, connotano la chiesa scoperchiata nota in Veneto come l’Incompiuta di Brendola (Vicenza). Per anni il paese fu teatro di attriti campanilistici fra i residenti che portarono all’esasperazione le autorità impegnate a risolverli. Nel 1926 quattro parroci fondarono un comitato e individuarono un terreno per la costruzione di un’unica chiesa che fungesse da catalizzatore geografico e spirituale di cittadini e fedeli. Progettarono la cattedrale di Gesù Cristo Re in onore di San Michele Arcangelo, la cui posa della prima pietra avvenne il 3 ottobre 1931 sul colle del Cerro. Quando l’edificio cominciava a prendere forma, l’arciprete si ammalò e i lavori, dapprima rallentati, si bloccarono.

L'Incompiuta di Brendola (foto di Germana Cabrelle)

L’Incompiuta di Brendola – Foto © Germana Cabrelle

Poi, dopo una timida ripresa, durante la Seconda guerra mondiale il cantiere si fermò definitivamente per cause mai chiarite. All’Incompiuta di Brendola il cantautore Fabrizio Tavernelli ha dedicato una canzone in cui viene descritta come «la cattedrale che si mostra ferita di fronte alla sua caduta, la chiesa da cui entra inesorabile il buio, con le albe selvagge arrampicate sul suo corpo; un’opera non finita che davanti alle brecce, alle crepe e alla fede che brancola, cerca una luce per riaccenderla».

L'Incompiuta di Brendola (foto di Germana Cabrelle)

L’Incompiuta di Brendola – Foto © Germana Cabrelle

L’Abbazia di Sant’Eustachio

Sempre in Veneto, a Nervesa della Battaglia (TV), sorge l’Abbazia di Sant’Eustachio, monastero benedettino dove Monsignor Giovanni Della Casa scrisse il Galateo. Recuperato dopo anni di abbandono grazie al generoso intervento del produttore di vino Ermenegildo Giusti, il complesso ormai millenario (la fondazione risale al 1062) è diventato un centro polifunzionale che ospita rassegne ed eventi culturali. E quale miglior luogo per andare a lezione di Galateo? Qui si apprende non solo il bon ton da tenere a tavola e nelle occasioni conviviali, ma anche nella vita professionale con corsi di Galateo del lavoro, rivolti ad aziende e dipendenti per comuni- care in modo elegante e appropriato.

Abbazia di Sant'Eustachio a Nervesa della Battaglia (foto di Magda Beverari)

Abbazia di Sant’Eustachio a Nervesa della Battaglia – Foto © Magda Beverari

Santa Maria dello Spasimo

Il poker delle chiese si completa a Palermo, dove svetta un’altra sontuosa opera incompiuta: il complesso ecclesiastico dedicato alla Madre di Gesù che spasima per il dolore del figlio. Una storia complessa come il famoso quadro di Raffaello commissionato proprio per questa chiesa la cui bellezza è amplificata dalla navata a cielo aperto, ora adibita a spazio culturale e sede di manifestazioni teatrali e musicali. I caratteri architettonici di Santa Maria dello Spasimo rappresentano quasi un unicum nel panorama costruttivo siciliano: per la tipica concezione dell’architettura di gusto gotico-settentrionale, con innesti e influssi di importazione catalana. Incantevole l’abside poligonale con copertura stellare, che in fotografia crea un bellissimo contrasto cromatico tra il rosato della pietra e l’azzurro del cielo.

Chiesa dello Spasimo di Palermo (foto di Matthias Süßen)

Chiesa dello Spasimo di Palermo – Foto © Matthias Süßen

L’articolo si trova anche all’interno del magazine La Freccia sfogliabile online a bordo di Trenitalia su tutti i  Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca e nei FRECCIALounge e FRECCIAClub e leggerlo anche su FSNews.

Qui il link per leggere Chiese a cielo sfogliandolo a bordo su La Freccia

Germana Cabrelle

Scrivo per professione dal 1982 e collaboro regolarmente con quotidiani e riviste cartacee e online a tiratura nazionale. Mi occupo di turismo e destinazioni, architettura d’interni e life style, attualità, economia, food&wine. Giornalista professionista, in aggiunta alla mia formazione, agli inizi degli anni Duemila ho conseguito il diploma di scuola alberghiera all’Ippssar Maffioli di Castelfranco Veneto (Treviso) per trattare con cognizione e da esperta il settore della ristorazione e dell’hotellerie, che è un affascinante mondo nel mondo. Amo fotografare con colpo d’occhio e sguardo interiore. Sono stata insignita di menzione speciale “Premio Penna d’Oca 2017” indetto da Assostampa Padova e dall’Ordine del Giornalisti del Veneto. Ho ideato slogan e claim per campagne pubblicitarie e loghi per onlus di cui sono fondatore. In un impeto di ironia creativa e di passione tentacolare per il Mare Nostrum, nel 2008 ho creato il taccuino d’appunti squisitamente veneto, Moskardin, che è diventato un brand e un marchio registrato. Per coniugare sapere e sapori, calamaro e calamaio.

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top