Viaggi del Gusto Magazine

VdG Magazine – i Viaggi del gusto, è un magazine online di approfondimento sul mondo dell’enogastronomia, del turismo, della ristorazione e del Made in Italy nella sua accezione più ampia.

Menù

Ultimi articoli

Puglia senza tempo

2 Febbraio, 2021

Tappe gourmet al Giro d’Italia e assaggi in volata

Shares

Dal Piemonte alla Campania, seguendo le tappe del Giro, tra specialità locali, piatti tipici e ricette stellate.

C’è un Giro d’Italia goloso che attraversa i piccoli centri. E si ferma proprio lì dove nascono i piatti della cucina tradizionale, impreziositi dagli chef stellati che li reinterpretano proiettandoli nel futuro.

Lunedì, 10 maggio, la terza tappa del Giro arriva a Canale, in provincia di Cuneo

Canale (Cuneo)

A cominciare dalle colline del Roero, dove si trova Canale (CN), meta di arrivo della terza tappa del Giro. Fondata nel 1260 dal libero Comune di Asti, la cittadina divenne fin da subito uno dei centri della produzione vitivinicola del Roero. Ma gli inizi del secolo scorso il settore fu minato dalla fillossera, un parassita della vite, e dalla grandinata del 1906. Così gli abitanti cominciarono a dedicarsi alla coltivazione del pesco.

Vigneto di Nebbiolo – Archivio Ente Turismo LMR – Ph. Stefania Spadoni

Con la loro buccia spessa, la polpa soda e il sapore caratteristico, le pesche di Canale rilanciarono l’agricoltura locale. Un altro prodotto tipico della zona è la castagna della Madonna, detta anche Canalina, fra gli esemplari più antichi d’Europa e apprezzata per la sua maturazione precoce, a settembre.

Castagne Canaline – Ecomuseo delle Rocche del Roero

Ma non si può passare da Canale senza assaggiare il prosciutto arrosto, frutto di una tradizione secolare iniziata intorno al 1940 dai fratelli Giordano, titolari della salumeria Filipin, che inventarono un modo gustoso per conservare le cosce di maiale, arrostendole e speziandole. Ancora oggi si massaggiano con una miscela di erbe aromatiche, si bagnano col vino e si avvolgono in una retina di vitello prima di essere cotte nel forno a legna. A tavola si abbinano con il Roero Arneis Docg, un bianco che affinato per almeno 32 mesi diventa Riserva.

La Finanziera di Davide Palluda

Una passeggiata golosa è quella sotto i portici di via Roma, dove si trovano i principali negozi storici della città. Nei locali dell’ex asilo Regina Margherita, l’Enoteca regionale del Roero offre i migliori prodotti del territorio e qui ha sede il ristorante All’Enoteca di Davide Palluda, una stella Michelin. Al numero 39 della via c’è la pasticceria Sacchero, che detiene la ricetta segreta dello storico La Duchesse, un bon bon al cioccolato con nocciole, mandorle e una bagna liquorosa.

Rovereto, Trento, il 27 maggio è la partenza della 18esima tappa del Giro

Rovereto (Trento)

La 18esima tappa del Giro attraversa la Vallagarina per arrivare a Rovereto (TN). Qui è imperdibile la visita al Castello, uno dei migliori esempi di fortificazione alpina tardo-medievale, da cui si gode uno splendido panorama sulla zona. Altri luoghi rilevanti sono il Museo Depero, il Teatro Zandonai, Palazzo Bossi Fedrigotti e Palazzo Alberti Poja, che con il Palazzo Annona costituisce l’accesso al Mart, il Museo d’arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto.

Patate, patate, patate di Alfio Ghezzi

Nella caffetteria del centro espositivo, dopo aver nutrito la mente passeggiando tra le 15mila opere esposte, si possono assaggiare le proposte di Alfio Ghezzi, il più stellato degli chef trentini. Da non perdere “Patate, patate, patate”. Perché, come dice lo Chef «è un piatto omaggio all’agricoltura di montagna, come a dire abbiamo solo le patate allora facciamo un piatto declinandole. Da questa idea nascono gli gnocchi di patate con una crema soffice di patate e salmerino affumicato, sfoglie di pancetta con la polvere di patate viola».

Rovereto – Museo del Caffè Bontadi – Ph. Alberto Bernasconi

Merita una tappa anche la Caffetteria Bontadi, dove provare le miscele artigianali che la torrefazione produce dal 1790. Mentre in uno dei tanti ristoranti della città va degustato il Marzemino, vino tipico del territorio.

Bagno di Romagna, il 20 maggio, è l’arrivo della 12esima tappa del Giro – Ph. Massimo Schiumarin

Bagno di Romagna, Forlì-Cesena

Giovedì 20 maggio, la protagonista della 12esima tappa della Corsa è Bagno di Romagna (FC). A cavallo tra Romagna e Toscana, il borgo è famoso per le acque termali fin dal tempo dei Romani. Porta di accesso al Parco delle Foreste Casentinesi, è un tempio del vivere lento.

Il Sentiero degli Gnomi – Archivio Comunale

Dai laghetti in mezzo al bosco al Sentiero degli Gnomi, qui si torna a respirare con la Natura. In questa città la gastronomia, fusione fra quella golosa romagnola e la più sobria toscana, si esalta negli oltre 50 ristoranti disseminati sul territorio. Protagonisti i prodotti locali e stagionali: funghi porcini, castagne, tartufo bianco e nero, insaccati e prosciutti, cacciagione, miele e cioccolato artigianali, formaggi freschi e stagionati.

Il Raviggiolo – Archivio Comunale

Un primato della zona è la concentrazione di citazioni Michelin. Dall’intramontabile Paolo Teverini, con il suo ristorante all’interno dell’Hotel Tosco Romagnolo, all’esplosivo Gianluca Gorini, che con il daGorini ha portato a San Piero in Bagno la Stella, fino all’emergente Andrea Bravaccini del ristorante Del Lago in località Acquapartita.

Cappelletti ripieni di cacciagione, pesca, vermut bianco e fiori di sambuco di Gianluca Gorini

Vera e propria antologia dei sapori locali sono i Cappelletti ripieni di cacciagione, pesca, vermut bianco e fiori di sambuco” di daGorini. «Il cappelletto – spiega Gianluca – viene proposto ripieno di cacciagione. Questa tipologia di carne segna il legame con i nostri boschi che è ulteriormente rafforzato dai fiori di sambuco. La pesca lavorata in composta e il vermut utilizzato per aromatizzare il burro, donano al piatto note dolci e speziate e che insieme alle note floreali del sambuco creano il giusto equilibrio al carattere deciso del ripieno».

Castel di Sangro è la partenza della nona tappa del Giro il 16 maggio

Castel di Sangro, L’Aquila

Altra tappa del Giro, la nona, è Castel di Sangro (AQ), eretto sul sito dell’antica Aufidena, roccaforte sannita e poi romana, il cui materiale archeologico portato alla luce negli anni è raccolto nel Museo civico Aufidenate, nel Convento della Maddalena.

Monumento al pescatore

Qui c’è il Museo della pesca a mosca, molto praticata da queste parti. I fiumi Sangro e Zittola, che attraversano la città, sono infatti ricchi di fauna ittica (tra cui la famosa trota del Sangro) e lungo le loro sponde si svolgono gare di pesca sportiva. Sulle rive del Sangro si può ammirare il Monumento al pescatore, opera dell’artista milanese Alberto Coppini.

Il pancotto di Niko Romito – Ph. Brambilla Serrani Photographers

Tappa obbligata Casadonna, sede del ristorante tre stelle Reale, dello chef Niko Romito che condivide con l’avventore, attraverso le sue creazioni, i ricordi di un Abruzzo d’altri tempi.

«Il pancotto è un piatto semplice e insieme fondamentale a cui sono molto legato. Lo associo alla memoria del mio passato e della mia terra. Viene dalla tradizione contadina e pastorale, quando i pastori con la transumanza trasferivano le greggi dall’Abruzzo alla Puglia attraversando i tratturi, portando con sé pane raffermo e formaggio. La versione abruzzese è arricchita con le cime di rapa e una spolverata di pecorino grattugiato. È un piatto del 2005, erano i primi anni del Reale, una fase in cui rivedevo i piatti della tradizione locale per innovarli e creare un mio linguaggio gastronomico».

Guardia Saframondi, arrivo dell’ottava tappa del Giro, il 15 maggio

Guardia Saframondi (Benevento)

Ultima tappa di questo itinerario goloso – e ottava del Giro d’Italia – è Guardia Sanframondi (BN), nel cuore del Sannio beneventano, un borgo di origine longobarda adagiato su una collina dominata dal Castello Normanno risalente al XII secolo. Le case di questo gioiello medievale si inerpicano a spirale intorno all’antico maniero. Così pure la cultura gastronomica, che è intrecciata al mondo contadino e composta da piatti semplici, con ingredienti a chilometro zero e di stagione.

Tra le ricette locali la zuppa di lagane (tagliatelle di grano duro) con fagioli, i cicatielli (cavatelli) fatti a mano e conditi con sugo di carne, la salsiccia con i broccoli di rapa fritti e la frijtora, uno spezzatino di maiale con peperoni e patate.

Fagottini di faraona arrosto di Giuseppe Iannotti

A reinterpretare la tradizione ci pensa il giovane Giuseppe Iannotti, stella Michelin con il suo ristorante Krèsios, nella vicina Telese. Il piatto di Iannotti che meglio rappresenta l’evoluzione della tradizione sono i “Fagottini di faraona arrosto”. «Il Sannio è un luogo principalmente vocato all’agricoltura e ogni casa ha un piccolo pollaio. La faraona è uno degli abitanti dei nostri pollai la quale solitamente veniva fatta arrosto o in brodo. Noi decidiamo di farla arrosto e di farla diventare la farcia del fagottino, con le sue ossa ne facciamo un fondo a mo’ di salsa».

Foto in evidenza Il Castello di Guardia Saframondi si tinge di rosa per l’arrivo dell’ottava tappa del Giro d’Italia

L’articolo si trova anche all’interno del magazine La Freccia sfogliabile online a bordo di Trenitalia. E su tutti i  Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca e nei FRECCIALounge e FRECCIAClub e leggerlo anche su FSNews.

Qui il link per leggere Tappe Gourmet sfogliando La Freccia

 

Alessandra Iannello

Con le radici a Milano, sua città natale, ma con la testa e il cuore sempre in viaggio. Ha unito le sue passioni, il cibo e il viaggio, e ne ha fatto la sua professione. Scrive da sempre di enogastroturismo per quotidiani e periodici, cura la trasmissione radiofonica "The way of life - Stili di vita" ed è una delle fondatrici del canale YouTube "L'assaggiatore in viaggio".

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top