Viaggi del Gusto Magazine

VdG Magazine – i Viaggi del gusto, è un magazine online di approfondimento sul mondo dell’enogastronomia, del turismo, della ristorazione e del Made in Italy nella sua accezione più ampia.

Menù

Ultimi articoli

Passaggio in Irpinia

3 Luglio, 2021

Puglia senza tempo

2 Febbraio, 2021

Nell’antica Enotria il nuovo Rinascimento del vino calabrese

Shares

I Greci che nell’VIII secolo a.C. colonizzarono l’attuale Calabria chiamarono Enotri i popoli loro predecessori, fossero indigeni, fossero essi stessi immigrati dalle coste dello Jonio nel corso del III millennio. Il nome greco di questa gente antichissima, Oinotròi, è in ogni caso connesso con l’oinos, il vino. Forse anche per questa ragione Sofocle nell’Antigone chiama Dioniso dio che protegge la gloriosa Italia. Alla leggenda fa da richiamo la geografia (e viceversa).

Pinax da Locri con Dioniso che offre un Kantharos e un tralcio di uva a Persefone, V sc. a.C. – Foto ©aboutartonline.com

La Calabria, lunga e stretta, incastonata tra due mari, quasi interamente collinare e montuosa, ricca di luce e di calore, è per sua natura votata alla viticoltura. E una tradizione tanto antica si esprime al meglio attraverso le uve locali. Tra quelle a bacca bianca spiccano il Greco (di Bianco), il Mantonico, il Guardavalle; tra quelle a bacca nera è giusto segnalare il Gaglioppo, il Magliocco Canino e la Marsigliana nera.

Consorzio Terre di Cosenza tra i filari di Magliocco dolce Magliocco canino, Guardavalle, Mantonico Bianco e Marsigliana Nera

Delle 9 DOC il Consorzio Terre di Cosenza squaderna 7 sottozone; anche le IGT d’area sono 9, alle quali si aggiunge l’IGT rappresentante l’interno territorio regionale. con una percentuale di 80 a 20, è assoluta la prevalenza dei vini rossi. Il comparto enoico calabrese, anche grazie all’immenso patrimonio di vitigni autoctoni e all’avvento delle nuove generazioni, sta vivendo originali e interessanti esperienze, accanto a competenze consolidate.

Britto Savuto Superiore Doc Colacino

Come quella di Colacino Wines, di Marzi (CS). Risuonano ancora forti le parole del fondatore, Vittorio Colacino, medico, riportate da Mario Soldati (Vino al vino, Mondadori): “Il Savuto partecipa in prima linea a quell’inversione di tendenza, quel fenomeno in sé obbrobrioso, ovvero il boom del vino industriale accompagnato dai fenomeni della refrigerazione e della pastorizzazione”. Era il 1975 e le idee in casa Colacino, con il figlio Mauro, sono sempre le stesse. Britto, il Savuto Superiore DOC, porta nelle vene Arvino, Greco Nero, Magliocco Canino e Nerello Cappuccio. Rosso barbabietola, ha naso di frutta matura e pepe nero, bocca accarezzata da velluto.

Il Vorea, Scilla IGT , da servire freddo ma anche in un rinnovato spritz

A Gallico, frazione di Reggio Calabria, la Casa Vinicola Tramontana vanta più d’un secolo di attività e di generazione in generazione si è consolidato il rispetto per la naturalità e la valorizzazione delle peculiarità varietali. Vorea, Scilla IGT, è un omaggio all’antica lingua grecanica: significa vento freddo. E freddo si consiglia di consumare questo vino dal colore rosso brillante, dal naso di mora e bocca morbida e avvolgente, altrettanto immediato e convivale. L’uva è Nerello Calabrese in ossequio al desideri di rappresentare il territorio nel bicchiere.

Letto questo?  Sardegna, le 10 spiagge tra le più belle scelte per voi

Melfio, Palizzi IGT e i vini di Antonino Altomonte

Nella cantina di Antonino Altomonte, a Palizzi, l’estremo meridionale reggino, le lavorazioni avvengono ancora a mano in regime familiare. Altomonte è uomo di zappa, legato alla terra come pochi. La meticolosa attenzione da dedicare al lavoro in vigna, le attente cure manuali, il rispetto assoluto del territorio e pratiche totalmente ecocompatibili stanno alla base del suo lavoro. Melfio, Palizzi IGT, prende il nome della località dove si coltivano le uve di Nerello Mascalese, Nocera, Alicante su un appezzamento terrazzato a 500 metri sul livello del mare che guarda il mare. Il colore intenso e l’alta gradazione si traducono in un vino che ama stare in bottiglia per anni e che va stappato nelle migliori occasioni.

Pi Greco e Charà, i vini di Antonella Lombardo

Sempre nell’estremo meridionale regionale vale la pena ricordare l’esperienza di Antonella Lombardo. Lei baratta la toga dei tribunali di Milano con la terra degli avi come strumento di riscatto personale. I vini della Lombardo: Pi Greco ma anche Charà, Nerello Mascalese, vinificato in rosato, profuma di lampone e mora, appena speziato. Agile e persistente in bocca.

Molarella, Val di Neto IGT

Per conoscere uno dei più singolari i vini bianchi bisogna invece dirigersi a Strongoli, nel Crotonese. La Pizzuta del Principe non è una storia di numeri, ettari e fatturati, ma di donne e uomini, generazioni che lavorano con passione la vigna, dalla potatura alla vendemmia. Zona di uva a bacca bianca Pecorello, da cui si ottiene Molarella, Val di Neto IGT, vino dorato, potenti al naso la ginestra e la zagara, anche degno di invecchiamento sino ai 5 anni per un palato che vira verso la nocciola.

Il vino Zibibbo delle Cantine Benvenuto

Storicamente presente in Calabria, lo Zibibbo ha trovato casa a Francavilla Angitola, nel Vibonese, tra le vigne del giovane Giovanni Celeste Benvenuto. Intenso e complesso al naso, moderatamente aromatico con note finissime di bergamotto e fiori d’acacia, possiede buon grado alcolico, secco e fresco.

Sempre nel Vibonese, a Nicotera, va ricordata la famiglia Comerci, che dall’Ottocento lavora nel mondo enoico. Domenicantonio Silipo, quarta generazione di vigneron, predilige Magliocco Canino e Greco Bianco, coltivati in regime d’agricoltura biologica. Da quest’ultimo Rèfulu, dall’impatto odoroso di camomilla e ortica. Morbido, in bocca, sul finale.

Da raccontare, in un prossimo appuntamento, i vini di Calabria da uve appassite e la nuova frontiera dedicata ai rosati e agli spumanti metodo classico ottenuti con uve locali.

Foto in evidenza ©ilsommeliermagazine

Riccardo Lagorio

Con la valigia in mano e la penna nell’altra, scrive di cucina, borghi e prodotti tipici da prima che diventassero un fatto di moda. Per questo non riesce a frenare la passione per la sobrietà di un tempo. Ama le cose che tocca. E questa è la ragione che gli fa mettere nero su bianco solo ciò che ha visto e ha provato. Forse démodé, ma pur sempre sinonimo di garanzia.

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top