Viaggi del Gusto Magazine

VdG Magazine – i Viaggi del gusto, è un magazine online di approfondimento sul mondo dell’enogastronomia, del turismo, della ristorazione e del Made in Italy nella sua accezione più ampia.

Menù

Ultimi articoli

Benevento, una terra che Strega

Shares

 Città di magia, mistero e della Via Appia, ricca di testimonianze della grande storia che l’ha attraversata, il capoluogo di provincia campano è una città a torto poco visitata. Con il suo centro raccolto ed elegante unisce lo spirito più interessante dell’Italia di Provincia. Tra un torrone ed un liquore, rapisce con la sua preziosa Santa Sofia, divenuta nel 2011 Patrimonio dell’Umanità.    Poco più che sessanta mila abitanti ed un centro storico ricchissimo di testimonianze storiche. Benevento è la città che non ti aspetti, la parte sorniona e profondamente agricola della Campania. Qui è passata la storia con la maiuscola, percorrendo la Via Appia antica. Per entrare in città si attraversava il fiume Sabato passando sul Ponte Leproso, un grande simbolo della città che fù. Il suo nome è probabilmente legato ad un vicino lebbrosario, mentre le sue caratteristiche sono comuni ai ponti romani: a schiena d’asino. Più volte rimaneggiato, resta poco della struttura originaria, oggi finalmente è chiuso al traffico e continua ad osservare la storia di questa città con il sottofondo dello scorrere dell’acqua. Potrebbe essere a buon diritto il punto di partenza per visitare questa cittadina elegante ed accogliente, che si lascia scoprire a piedi in un clima generalmente mite.  Il Teatro Romano e Santa SofiaIncamminatevi e non lasciatevi vincere dalla pigrizia, per il centro storico del capoluogo sannita nessun posto  è lontano. Raccolto e tranquillo, è necessario viverlo a pieno. Ed in un ipotetico percorso che parta dall’antico ponte della Via Appia, raggiungete un’altra grande testimonianza storica: il Teatro Romano. Inaugurato nel 126 d.C., durante l’Impero di Adriano, riuscì ad ospitare circa 10 mila persone. Abbandonato e parzialmente interrato in epoca longobarda, è stato poi riscoperto a fine Ottocento e riportato del tutto alla luce nel 1957. Oggi lo si può visitare tutti i giorni dalle 9 del mattino fino ad un’ora prima del tramonto.Immergendosi nel cuore della città è il Complesso Monumentale di Santa Sofia a rapire. Un piccolo edificio risalente al 760 d.C. divenuto Patrimonio dell’Umanità UNESCO nel giugno del 2011. Suggestiva con le sue colonne in pietra calcarea e quella pianta esagonale, il suo biancore e gli affreschi bizantini ne fanno un tempio spirituale unico nel suo genere.  >> Sfoglia la Gallery << La Cattedrale ed i sapori dello StregaPrima di proseguire verso l’Arco di Traiano, ritagliatevi la bella frescura della villa comunale. Molti alberi centenari, la cassa armonica ed il laghetto riescono a comporre un quadretto piacevole per riposare un po’. Di strada incontrerete così la bella Rocca dei Rettori, sede della Provincia di Benevento che ospita anche la sezione storica del Museo del Sannio. Ritornando sul corso, se l’ora dell’aperitivo è giunto, fermatevi al Caffè Strega per assaggiare il caffè allo Strega. Questo liquore, nato dall’infusione di 50 erbe e colorato con lo zafferano, nacque nel 1860 grazie all’intuizione di Giuseppe Alberti. Si racconta che sia nato dalla ricetta delle streghe – da qui il suo nome – e che riuscisse a tenere insieme le coppie in una sorta di pozione d’amore. Da allora il suo giallo oro brillante ha sempre accompagnato un’altra tradizione beneventana: il torrone. Non va dimenticato, infatti, che qui nacque il progenitore del torrone, ovvero la cupedia, ottenuta con miele, albume e nocciole (o mandorle). Ecco che, nonostante la gastronomia sannita sia ricca, è innegabile che lo Strega ed i torroni rappresentino più d’ogni altra cosa i souvenir gastronomici per eccellenza. L’Arco di TraianoMa è l’Arco di Traiano il simbolo più forte della storia della città. Voluto dall’imperatore Traiano, completato nel 117 d.C., è alto più di 15 metri e completamente rivestito in marmo, su cui insistono innumerevoli bassorilievi a raffigurare sia scene di guerra che di pace.E non si può non concludere il percorso alla scoperta di Benevento se non visitando la Cattedrale Metropolitana di Santa Maria di Episcopio, ricostruita per buona parte dopo la Seconda Guerra Mondiale, la quale la vide vittima dei bombardamenti. A resistere soltanto la facciata romanica del XIII secolo e la cripta con affreschi trecenteschi. Un luogo di unione e riunione per una comunità fortemente legata al suo credo, a dispetto delle leggende che definiscono Benevento la città delle streghe e di quell’antico nome – Maleventum – poi trasformato in Benevento dai Romani. Per saperne di più:www.eptbenevento.itwww.vacanzenelsannio.benevento.it  GastronomiaLa tavola sannita è rigorosamente d’entroterra, ama la pasta a mano, i sughi di carne, i salumi e le verdure. Se scegliete un locale tipico non dimenticate di assaggiare la carne di maiale con i peperoni di Benevento, oppure i mugnatielli. Si tratta di involtini di interiora di agnello conditi con aromi e spezie. Molte le eccellenze da ricercare, che – in alcuni casi – è possibile portare a casa: i prosciutti di Pietraroja, i funghi di Cusano Mutri, i carciofi di Pietrelcina, i taralli di San Lorenzello e i vini della DOP Sannio. Per saperne di più:www.sanniodop.it  I dintorni Se si arriva nel Sannio e si ha un po’ di tempo a disposizione, dopo aver dedicato una giornata alla città di Benevento, non si può non guardare alla provincia. Ha alcune perle che meritano una visita: una su tutte San Marco dei Cavoti, dove la tradizione del torrone beneventano non solo si rinnova, ma trova una sua peculiarità unica. Difatti a contraddistinguere questo piccolo ed elegante borgo è la produzione del croccante. Imperdibile una sosta all’antica e sospesa bottega della Premiata Fabbrica del Cavalier Borrillo, dove è d’obbligo per i golosi assaggiare anche le cassatine. Essendo praticamente di strada, potreste prevedere una sosta a Pietrelcina, dove non solo è possibile fare una bella passeggiata nel suo centro, ma anche visitare la casa in cui ha vissuto con la sua famiglia Padre Pio. Tra i borghi più belli d’Italia e probabilmente il più suggestivo del Sannio è Sant’Agata dei Goti. Il centro storico sorge su una propaggine tufacea, con case che si affacciano su grandi valloni. Per l’autenticità e la perfetta conservazione è stato spesso scelto come set cinematografico.    Ci Piace/Non ci piace Ci piace La città è curata e pulita, di grande aiuto – per il visitatore – la conformazione del centro storico che lo rende un unico grande quartiere da vivere in toto. Non ci piace Accanto ai monumenti ci si imbatte in cartelli che pubblicizzano il Tour Code, ovvero la possibilità – attraverso un lettore per QRcode da smartphone – di leggere informazioni sugli stessi. Purtroppo da anni il servizio non è più funzionante, ma i cartelli continuano ad essere in bella mostra.  Scelti per voi Dove mangiare Ristorante NunziaIl piatto simbolo di questa osteria a gestione familiare, dove il menù è rigorosamente declamato a voce in base alle stagioni dalla signora Nunzia, è lo scarpariello. Ma tanti sono i grandi classici della cucina sannita e campana che qui trovano una casa informale e autentica. Un indirizzo cult. Via Annunziata 152Comune di BeneventoTel. 0824.29431  DionisioDue strutture per differenti esigenze: un ristorante dove la materia prima di qualità incontra il desiderio di sperimentare e la ricercatezza, un bistrot dove passare più velocemente e con più facilità dall’aperitivo alla gastronomia e dov’è possibile acquistare prodotti tipici. Dionisio RistoranteVia Alfonso De Blasio 30824.43734 Dionisio Bistrot e GastronomiaCorso Garibaldi, 91/930824.21806 Beneventowww.dionisioristorante.it La Taverna di OrazioPer mangiare una pizza in pieno stile napoletano che rispetta ed integra i prodotti tipici. Dal talento del giovane pizzaiolo Andrea Lepore è nata la pizza più amata. Si chiama Orazio ed è guarnita con la salsiccia rossa di Castelpoto. Via San Pasquale 8 – Benevento345.8985066 Dove dormire B&B Le StregheUna casa antica per un confort moderno. Mura con pietre a vista e nomi dedicati alle janare più note della storia.Via Mario La Vipera 54Comune di BeneventoTel. 350.5026476www.bblestreghe.it B&B Domus TraianiA pochi metri dall’Arco di Traiano, per vivere a pieno il centro storico della città. Via Cupa Santa Lucia 7Comune di BeneventoTel. 347.5621812www.domustraiani.it Dove comprareStrega Aliberti BeneventoPiazza Vittoria Colonna, 8Comune di BeneventoTel. 0824.54292www.strega.it     

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top