Viaggi del Gusto Magazine

VdG Magazine – i Viaggi del gusto, è un magazine online di approfondimento sul mondo dell’enogastronomia, del turismo, della ristorazione e del Made in Italy nella sua accezione più ampia.

Menù

Ultimi articoli

Shanghai, la Cina d’avanguardia

Shares

 La Perla d’Oriente offre un caleidoscopio unico dei diversi aspetti che concorrono a formare la cultura del Paese. Dall’ipermoderno quartiere di Pudong, allo storico Bund, passando per templi buddhisti, quartieri coloniali e splendidi giardini che fanno dimenticare il traffico concitato del centro  Forse nessuna città più di Shanghai ha vissuto negli ultimi 15 anni un’evoluzione tanto vorticosa. Quella che si presenta oggi al viaggiatore è una megalopoli da 20 milioni di abitanti, che alterna attrazioni modernissime ad angoli dove si respira la Cina d’altri tempi. Shanghai può essere visitata anche durante uno stop over diretti verso un’altra meta e in questo caso ci si avvantaggia dello speciale “72 ore Visa free transit” che consente a chi viaggia in aereo di transitare da Shanghai senza visto ma con il solo passaporto valido, per una sosta prima di raggiungere la meta finale. Shanghai è tuttavia una meta che merita qualche giorno in più, tappa obbligata e porta d’ingresso di un viaggio alla scoperta della Cina. Si può cominciare dal distretto di Pudong, di fronte allo storico quartiere di Bund sull’altra sponda del fiume Huangpu. Quella che viene definita la “nuova Manhattan” è il centro economico e finanziario della Cina, con uno skyline modernissimo che annovera l’Oriental Pearl Tower, la Jin Mao Tower, lo Shanghai World Financial Center. Sul versante opposto, il Bund è il luogo migliore dove osservare lo skyline ma soprattutto rappresenta un vero e proprio museo di architettura a cielo aperto, con edifici storici realizzati nei diversi stili nei quali si è sviluppata la città. Lungo il Bund, cuore pulsante delle attività sul fiume che costeggia il lato occidentale dello Huangpu, si trova il punto d’imbarco per le crociere e non è raro incontrare  i cinesi che praticano il tai-chi all’alba. Il tempio del Buddha di Giada risale al 1882 e rappresenta un primo assaggio della Cina dei tempi passati, quella legata al buddhismo che conserva in questo tempio uno dei maggiori esempi di tutto il Paese. Il quartiere che oggi occupa la concessione francese ottenuta nel 1849 è invece uno dei più eleganti di Shanghai, dove respirare ancora l’atmosfera coloniale. Da vedere infine i giardini Yuyuan. Lontano dal traffico e dalla folla, risalgono alla dinastia Ming, antica di oltre 400 anni. Lo splendido paesaggio e lo stile architettonico ne fanno una tappa obbligata nell’Antica Città Cinese, nei pressi del molo turistico del Bund.  Per saperne di più:Ufficio nazionale del turismo cineseTel. 06 4828888www.turismocinese.it

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top