Viaggi del Gusto Magazine

VdG Magazine – i Viaggi del gusto, è un magazine online di approfondimento sul mondo dell’enogastronomia, del turismo, della ristorazione e del Made in Italy nella sua accezione più ampia.

Menù

Ultimi articoli

Una passeggiata fra le nuvole

Shares

Fra paesaggi candidi, cielo blu profondo e chalet di legno Chateau d’Oex, capitale europea del volo aerostatico, accoglie per una settimana l’annuale meeting di mongolfiere.

Ogni anno, a cavallo tra Gennaio e Febbraio, da Château-d’Oex , nel Cantone di Vaud  in Svizzera, si levano in volo decine di mongolfiere. La settimana internazionale della mongolfiera è uno dei più importanti avvenimenti del settore nel territorio alpino. E noi non vogliamo perderci lo spettacolo!

Chateau d’Oex. La settimana dei palloni ad aria calda è la più importante iniziativa in Europa con la presenza di piloti di oltre 20 differenti nazionalità.

L’arrivo

Superata l’aristocratica cittadina di Gstaad, frequentata da VIP e teste coronate, cominciamo ad avvistare nel cielo turchese mongolfiere colorate dalle forme bizzarre. Chateau d’Oex, con il suo Festival International de Ballons, è vicina. All’ingresso della cittadina un’esplosione di colori costringe tutti i presenti ad alzare lo sguardo.

Stanno decollando decine di mongolfiere multiforma e multicolori. Il microclima della valle della Sarine genera condizioni eccellenti per la partenza in simultanea e, con un po’ di fortuna, anche voli di andata e ritorno sono possibili grazie ai venti che a bassa quota portano verso Rossiniére e quelli di alta quota che invertono il senso di navigazione. Non è un caso che proprio da qui, nel 1999, è partito il Breitlig Orbiter III, la mongolfiera che circumnavigò la terra senza scalo.

Campo di decollo delle mongolfiere di Chateau d’Oex. Particolari delle fasi di preparazione dei palloni.

La manifestazione

La pittoresca cittadina, classico villaggio svizzero con antichi chalet di legno, alla fine di Gennaio diventa teatro del più importante meeting di mongolfiere d’Europa, giunto alla sua 42ª edizione. Un’epidemia di febbre da palloni contagia gli abitanti con sintomi sparsi per i vicoli.

Mongolfiere ovunque: nelle vetrine dei negozi, illuminate per le strade, sulle tendine delle finestre, gadget, dolci… menù. Naturalmente il “focolaio” è il campo di volo denso di equipaggi e fan incontenibili, con distintivi sui giacconi e aerostati ricamati sui berretti.

Ogni anno, tra gennaio e febbraio, da Château-d'Oex nel Cantone di Vaud in Svizzera, i levano in volo decine di mongolfiere. Condividi il Tweet

Le gare

La gioiosa kermesse, riunisce ogni anno 60.000 spettatori sotto le bandiere di almeno venti paesi diversi, tutti accumunati dall’irrinunciabile appuntamento quotidiano con il volo.

Letto questo?  10 viaggi di nozze imperdibili secondo CartOrange, le proposte a MilanoSposi 2020

Meteo permettendo, la manifestazione segue un programma dettagliato con la gara della caccia alla volpe: un pallone fugge e cerca di nascondersi e, tra quelli che lo trovano, vince chi riesce ad atterrare più vicino al “fuggitivo”.

Poi è il turno della sfilata degli aerostati dalle forme speciali: arancia, mostro, telefonino, una copia del Financial Times, uno scozzese che suona la cornamusa, un indiano, un dirigibile, un toro, una volpe, un cavallo, una tartaruga…

Spesso i palloni sono costruiti nella fabbrica inglese di Cameron su indicazione dei piloti che, trovando degli sponsor che finanziano il progetto, realizzano il loro sogno di vivere volando.

Chateau d’Oex. Nella foto una delle più caratteristiche mongolfiere della manifestazione: “Lo Scozzese con la Cornamusa”.

La partenza delle mongolfiere

L’entusiasmo cresce durante il rito del gonfiaggio, cui spesso si è invitati a collaborare. L’involucro viene srotolato e aperto sulla neve ed i bruciatori, con fiammate dosate dal pilota, scaldano l’aria. Lentamente il pallone prende forma e comincia a raddrizzarsi fino a quando, con uno scatto felino, si alza per volare via. A questo punto gli aiutanti si agganciano al cesto per appesantirlo e tenere il pallone a terra, permettere così la salita degli ospiti, e poi, come quando si restituisce ad un uccello la libertà, gli aiutanti lasciano il cesto.

 

Questa manifestazione è sempre più caratterizzata dalla presenza di numerosi palloni dalle forme speciali. Nel cielo “The flying cow” la gigantesca mucca alata di 4500 metri cubi, lunga 27 metri.

 

Panorama da circa 2500 metri della cittadina di Chateu d’Oex.

Volo per tutti

Il ‘meeting di mongolfiere’ quest’anno è iniziato il 25 gennaio e si concluderà domenica 2 febbraio 2020 e gli spettatori potranno sperimentare un’indimenticabile passeggiata aerea. Il volo in mongolfiera è un’ esperienza magica che vi costerà 420 franchi svizzeri (circa 400 euro) a persona per due ore. I movimenti sono lenti, le manovre dolci, l’irreale silenzio è rotto solo dal respiro caldo dei bruciatori, la terra si allontana dal gracile “balcone” di vimini e l’orizzonte si allarga sempre più rivelando la tutta maestosità delle Alpi Svizzere innevate.

Interno di un colorato pallone. Enormi ventilatori riempiono i palloni che possono arrivare ad una altezza variabile (secondo le forme) tra i venti e i trenta metri, con volumi di oltre 4500 metri cubi.

 

Nella foto il pallone che riproduce un’ edizione del “Financial Times” alto 30 metri con un volume di 2600 metri cubi. Sulla sua superficie appaiono oltre 10.000 caratteri di testo.

Nessuna visione è come questa. Niente a che vedere con gli scorci da un finestrino d’aereo. Questo è il punto d’osservazione dell’aquila.

Mentre le sensazioni volano oltre i tremila metri raggiunti dalla mongolfiera, il nostro pilota comincia a riportarci al suolo cercando un luogo idoneo per atterrare ma, soprattutto, raggiungibile dal pulmino che ci sta seguendo dalla partenza per aiutarci a sgonfiare il pallone, smontare tutto e tornare alla base.

prenotare un volo in mongolfiera

info:

festival delle mongolfiere-chateau-doex

festival des ballons

Panorama della valle visto da una mongolfiera a circa 3000 metri di quota.

Composizione di astri e palloni durante l’annuale raduno internazionale di mongolfiere a Chateau d’Oex.

 

Marco Asprea

Fotografo professionista dal 1995 fotoamatore da sempre. La passione per il racconto lo ha portato dalla fotografia alla realizzazione di servizi per l’editoria con foto e testi. Giornalista dal 2006, premiato “Penna d’Oro” dall’Ufficio Nazionale del Turismo Croato nel 2011, pubblica di Turismo, enogastronomia, sport, aeronautica e architettura sulle riviste di settore italiane ed estere.

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top