Carpene Malvolti

Greci e Romani padri fondatori, soave nascevi tinta da questi colori” si legge su uno striscione esposto allo Stadio Luigi Razza di Vibo Valentia a sostegno della squadra locale, a sottolineare la fierezza dei vibonesi per le proprie origini.

Culla della Magna Grecia, Vibo Valentia – una volta Hipponion – è stata una delle città principali del Mediterraneo.

Conferma di ciò ne è l’importante patrimonio archeologico della città, sia quello visibile sia quello sotterraneo.

La cittadina calabrese vanta una storia millenaria che ha lasciato sul territorio importanti testimonianze, basti pensare che l’antica Hipponion ricorre molto spesso nella letteratura antica.

Ed i parchi archeologici del capoluogo calabrese rappresentano un patrimonio importante che determina una forte identità culturale cittadina.

Cosa visitare a Vibo Valentia?

Rinomata località turistica, la provincia calabrese di Vibo Valentia vanta un mare splendido che si estende lungo la Costa degli Dei.

Se volete che la vostra vacanza abbia anche delle sfumature culturali, allora dovrete assolutamente visitare il Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi”, ospitato all’interno del suggestivo castello Normanno – Svevo che domina la città e che, ogni anno, conta oltre 20.000 visite.

All’interno del sito culturale, potrete ammirare la preziosa laminetta aurea, con testo orfico, rinvenuta in una necropoli dell’area urbana della città.

Qui, oltre a numerosissimi reperto archeologici, troverete anche la ricca collezione di monete del Conte Capialbi, al quale il museo è dedicato, che in Calabria è considerata uno tra i riferimenti numismatici più importanti in assoluto.

Letto questo?  Le Terme, luoghi di benessere e rigenerazione del corpo e della mente

Vibo Valentia siti archeologici

A pochi passi dal Castello, si trova il Tempio del Cofino dove sorge il parco archeologico dell’antica Hipponion. Il tempio, che venne alla luce a seguito degli scavi eseguiti dall’archeologo Paolo Orsi nel 1921, era dedicato a Kore e Persefone.

Anche le Mura Greche fanno parte del patrimonio storico ed archeologico vibonese e si compongono di grossi blocchi ciclopici che erano posti a difesa della città. Al Belvedere Telegrafo, invece, si può ammirare il basamento di un antico tempio dorico.

Anche il quartiere di Stanislao Aloe vanta mosaici e ritrovamenti, testimonianza di una storia importante della città.

La provincia di Vibo Valentia tra arte, cultura e storia

La città di Vibo Valentia merita di essere visitata non solo per il suo centro cittadino ma anche per le bellezze che offre tutta la provincia. Un esempio sono le Grotte degli Sbariati di Zungri, presso le quali si può apprezzare un antico insediamento, scavato nell’arenaria.

Qui, potrete visitare anche il Museo della civiltà rupestre e contadina.

Anche il Castello e la Tonnara di Bivona (piccola frazione Marina di Vibo) meritano una menzione e se vi trovate da queste parti, allungate il vostro tour fino a Pizzo, dove – oltre a gustare il tipico tartufo dolce – ad attendervi ci sarà il Castello Murat, sito nella piazza principale del paese.

 

Vivere la provincia di Vibo significa immergersi in un contesto in cui, da un lato la natura regala spettacoli e dall’altro, l’uomo ha saputo donare un patrimonio archeologico immenso.